Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaCronacaArresti › Olbia: carte di credito contraffatte, intervengono i Carabinieri
A.B. 20 febbraio 2015
I militari del locale Reparti Territoriale hanno deferito in stato di libertà quattro romeni indiziati, a vario titolo di ricettazione continuata in concorso, detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici, frode informatica aggravata e continuata in concorso
Olbia: carte di credito contraffatte, intervengono i Carabinieri


OLBIA - I Carabinieri del Reparto Territoriale di Olbia, alla fine di un’ulteriore tranche di indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Cagliari, ha deferito in stato di libertà quattro romeni di età compresa tra i ventinove ed i trentaquattro anni, tutti residenti ad Olbia e già segnalati alla banca dati delle Forze di Polizia, indiziati, a vario titolo di ricettazione continuata in concorso, detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici, frode informatica aggravata e continuata in concorso. L’attività, che si ricollega ad un più ampio contrasto ai fenomeni di truffa informatizzata, ha consentito di acquisire elementi di colpevolezza nei confronti degli indagati e di acquisire significativo materiale probatorio.

Gli accertamenti compiuti per riscontrare la responsabilità penale degli indagati hanno riguardato l’analisi dei dati forniti dalle società che gestiscono i flussi delle operazioni compiute negli Atm-Bancomat degli istituti di credito, riscontri dei dati rilevati dal materiale sequestrato con quelli forniti dai servizi di intermediazione anche di società extra Ue, nonché esame delle numerose registrazioni video acquisite. Durante l’attività di vigilanza ed osservazione, uno dei responsabili è stata arrestato in flagranza (il 14 ottobre 2013) ed al sequestro di denaro, “Skimmer”, tessere con banda magnetica sia vergini sia già “pronte”, cioè con memorizzati i dati alfanumerici sulla banda, che consentono l’uso delle carte di credito. I quattro denunciati sono accusati di avere reperito innumerevoli codici di carte di credito emesse negli Stati Uniti avvalendosi di specifici e collaudati canali di approvvigionamento per clonare le medesime carte, finalizzata alla utilizzazione fraudolenta.

Ma quello che maggiormente colpisce, è che i quattro hanno prelevato il denaro dagli sportelli bancomat disponendo, oltre che delle carte opportunamente clonate, anche dei relativi “pin”. Giova precisare che il modus operandi dei carders avviene con l’acquisizione dei dati o attraverso la tecnica dello skimming (furto di dati in occasione di transazioni effettuate dai proprietari delle carte) o attraverso la violazione dei sistemi di coloro che possiedono, a vario titolo, i dati delle carte di credito (banche, circuiti, gestori dei pos ed altro). L’attività investigativa, protrattasi per circa nove mesi, ha permesso di documentare numerose transazioni illecite, avvenute nel territorio olbiese, con danno non solo dei singoli titolari delle carte ma anche dei circuiti di intermediazione bancaria nazionali ed internazionali. Di rilievo il giro d’affari illecito. Di fondamentale importanza è stata la collaborazione da alcuni istituti di credito tra quali si segnalano la “Monte dei Paschi di Siena”, la “Banca Carige” e la “Banca Sella”.
Commenti
13:26
Due romeni, rispettivamente di 25 e 31 anni, avrebbero chiesto “il pizzo” ad una connazionale che si prostituiva nella zona tra Santa Gilla e Viale Trieste. L´intervento della Polizia li ha portati quindi in carcere con le accuse di estorsione e porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere
29/3/2017
Ieri mattina, i finanzieri del locale Gruppo hanno fermato un 40enne sbarcato con una city car dalla nave proveniente da Civitavecchia. Sequestrati 842chilogrammi di marijuana, 1,1chili di cocaina, circa 150mila euro in contanti, due serre, cento piante di marijuana ed un´autovettura
28/3/2017
Sgominata una banda criminale dedita al traffico di droga e armi fra la Sardegna ed il nord Italia. Tra i colpi progettati dalla banda anche il furto a scopo di estorsione della salma del costruttore automobilistico Enzo Ferrari. 45 indagati e 34 ordini di custodia cautelare
© 2000-2017 Mediatica sas