Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaPoliticaTasse › Olbia riduce l’Imu al 4,60 per mille: atteso si dallo Stato
D.C. 19 gennaio 2015
È stata approvata nell’ultima seduta di Consiglio la mozione presentata da tredici consiglieri di minoranza per la riduzione dell’ Imu per i terreni agricoli per l’anno 2014. Se lo Stato acconsentirà, l’aliquota scenderà dal 7,60 per mille al 4,60 per mille
Olbia riduce l’Imu al 4,60 per mille: atteso si dallo Stato


OLBIA - Durante i lavori dell’ultimo Consiglio comunale di Olbia, è stata discussa ed approvata all’unanimità, la mozione per la riduzione della aliquota Imu per i terreni agricoli per l’anno 2014, presentata dalla minoranza consiliare il 4 dicembre scorso. Nel documento la richiesta di riduzione dal 7,60 per mille (aliquota ordinaria per i terreni) ad una aliquota ridotta al 4,60 per mille (la minima prevista per legge).

Parziale tuttavia la soddisfazione del gruppo proponente, dal momento che la stessa mozione è stata vagliata ed approvata dal Consiglio nell’anno 2015 e non nel 2014. «Dobbiamo solo sperare – hanno commentato i consiglieri di minoranza - che lo Stato conceda in deroga a quanto previsto per legge – le aliquote si possono modificare solo nell’anno di competenza - la modifica delle aliquote per l’anno passato». Nessun problema ci sarebbe stato invece se l’aula avesse discusso ed approvato il documento prima della fine dell’anno 2014, così come molti Comuni hanno fatto, tra i quali Monti.

Altri invece, attraverso variazione di Bilancio entro il 31 dicembre 2014, hanno coperto la previsione di entrata di questa frazione di Imu con fondi ordinari di bilancio, sostanzialmente azzerando l’aliquota. L’Anci della Regione Liguria, in merito alla applicazione dell’Imu, ha presentato un ricorso presso il Tar del Lazio, che si riunirà in camera di consiglio in data del 21 gennaio 2015 e solo in questa occasione si saprà se la scadenza per il pagamento dell’Imu sui terreni agricoli, fissata al 26 gennaio 2015, sarà confermata o meno.

«Se così non fosse – ha spiegato il gruppo di minoranza - tutti i proprietari di terreni agricoli del Comune di Olbia, saranno costretti loro malgrado, al pagamento di questa tassa iniqua, che andrà ad incidere notevolmente sui bilanci delle aziende agricole e dei semplici cittadini. In fine va sottolineato che oltre al danno si aggiunge una beffa». Lo Stato infatti ha già trattenuto al Comune di Olbia dal fondo di solidarietà circa 130mila euro, ovvero la somma che il Comune dovrebbe introitare dall’Imu sui terreni agricoli. Se quindi la aliquota per il 2014 dovesse rimanere quella ordinaria del 7,6 per mille, come spiegato dai consiglieri proponenti Altana, Cocciu, Sanciu, Piro, Pinna, Spano V., Casalloni, Fiori, Carzedda, Cassitta, Pizzadili, Urtis e Varchetta, il Comune di Olbia incasserà dall’Imu dei terreni agricoli quasi tre volte tanto di quanto trattenuto dallo Stato: «ancora una volta – è stato il commento finale - un trucco per fare cassa a scapito del mondo agricolo».

Nella foto: Marco Piro, primo firmatario della mozione
Commenti
25/6/2016
Da martedì, sono in pagamento negli sportelli cittadini del Banco di Sardegna i mandati relativi al contributo economico integrativo concesso per l’anno 2015
© 2000-2016 Mediatica sas