Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaCronacaArresti › Truffe con carte di credito clonate. Blitz a Sassari, Alghero, Olbia
S.A. 12 gennaio 2015
L´inchiesta ha messo in luce un sodalizio criminale finalizzato alla commissione di truffe con l´utilizzo di carte di credito clonate.I provvedimenti restrittivi riguardano 12 soggetti, italiani e stranieri. Ordinanze di custodia cautelare eseguite all'alba ad Olbia, Sassari, Porto Torres, Alghero e in Ungheria
Truffe con carte di credito clonate
Blitz a Sassari, Alghero, Olbia


OLBIA - Nelle prime ore della mattinata odierna ad Olbia, Sassari, Alghero e Porto Torres, nonché nel territorio ungherese con l’ausilio delle locali forze di polizia, il Reparto Territoriale dei Carabinieri di Olbia ha dato esecuzione alle ordinanze di custodia cautelare in carcere, arresti domiciliari e obbligo di dimora emesse nell’ambito dell’indagine Carder, diretta dalla Procura di Cagliari. I provvedimenti restrittivi riguardano 12 soggetti, italiani e stranieri (3 da associare in luogo di detenzione, 3 agli arresti domiciliari e 6 da sottoporre ad obbligo di dimora), di cui alcuni pregiudicati, indiziati, a vario titolo, di ricettazione continuata in concorso, detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici, frode informatica continuata in concorso.

Alle 6 persone colpite da misura restrittiva viene contestata l’associazione per delinquere, mentre gli altri 6 sono responsabili a vario titolo di truffe informatiche. Nel complesso, l’attività investigativa ha consentito di acquisire elementi di colpevolezza per 27 indagati e, nel corso dell’indagine, un copioso materiale probatorio è già stato sottoposto a sequestro. Gli accertamenti compiuti per addivenire a riscontrare la responsabilità penale degli indagati hanno riguardato l’analisi dei dati forniti dalle società che gestiscono i flussi provenienti dai pos per l’utilizzo delle carte di credito, i tabulati di traffico telefonico ed intercettazioni telefoniche.

Il sodalizio, con al vertice un soggetto straniero ed un italiano (quest’ultimo attualmente detenuto in Ungheria per reati di analoga natura), è accusato di avere promosso, costituito, organizzato e diretto un’associazione per delinquere che si occupava di reperire innumerevoli codici di carte di credito estere (principalmente statunitensi) avvalendosi di specifici e collaudati canali di approvvigionamento per compiere, di conseguenza, l’attività di clonazione delle medesime carte, finalizzata alla utilizzazione fraudolenta in diverse località del territorio nazionale con il concorso attivo nel reato di numerosi esercenti commerciali compiacenti. Giova precisare che il modus operandi dei carders è avvenuto con l’acquisizione dei dati o attraverso la tecnica dello skimming (furto di dati in occasione di transazioni effettuate dai proprietari delle carte) o attraverso la violazione dei sistemi di coloro che possiedono, a vario titolo, i dati delle carte di credito (banche, circuiti, gestori dei pos etc.); a proposito di quest’ultimo modus operandi, solo tra il 27 novembre ed il 15 dicembre 2013 vi è stata una violazione di sistemi a danno di Target Corporation (società gestore di dati) che ha esposto i dati di circa 40 milioni di carte di credito.

L’attività investigativa, protrattasi per circa 9 mesi, ha permesso di documentare più di 3mila transazioni illecite avvenute su tutto il territorio nazionale ed estero, per un importo di circa 1 milione di Euro, con danno non solo dei singoli titolari delle carte ma anche dei circuiti di intermediazione bancaria nazionali ed internazionali (Visa, Mastercard, American Express, Carta Si, Setefi); in alcune transazioni fraudolente, compiute con il concorso di alcuni commercianti olbiesi, sono stati utilizzati nomi non solo di fantasia ma anche di appartenenti alle Istituzioni (magistrati e carabinieri). E’ stata proprio la complicità degli esercenti (alcuni molto noti e con attività commerciali ubicate in località turistiche redditizie come Alghero, Porto Cervo e tutta la Costa Smeralda) attratti da facili, immediati e cospicui guadagni l’elemento imprescindibile per il compimento dei reati. Gli stessi si sono prestati a mettere a disposizione i propri pos per compiere le transazioni fraudolente (sono stati accertati all’incirca trenta soggetti compiacenti su tutto il territorio isolano).

Il denaro indebitamente sottratto ha consentito agli indagati di mantenere un alto tenore di vita assolutamente sproporzionato alle loro effettive disponibilità. Sono inoltre ancora in corso di esecuzione 51 decreti di perquisizione domiciliare, su tutto il territorio nazionale, nei confronti di soggetti coinvolti a vario titolo nell’indagine (oltre che nel Sassarese, anche a Oristano, Cagliari, in Versilia, Milano, Ancona e Livorno). Di fondamentale importanza è stata la collaborazione resa dagli esperti informatici dell’Università degli studi di Cagliari, nonché da parte di alcune delle società di intermediazione bancaria.

Prima pubblicazione alle 9.08
Commenti
13:50
Svolta nelle indagini. Il movente che avrebbe spinto un 18enne di Nule ad uccidere il 19enne studente, sarebbe da ricercare in una precedente offesa
24/5/2016
Gli agenti dell’Ufficio di Polizia di Frontiera di Alghero-Fertilia, hanno proceduto a delle verifiche più approfondite nei confronti di un cittadino rumeno, che è risultato avere a suo carico un ordine di carcerazione
24/5/2016 video
Arresti tra il personale e decine di perquisizioni in corso. In manette anche la direttrice della casa di riposo L'accoglienza
13:19
Ieri sera, gli agenti della Squadra Mobile hanno eseguito un´ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Sassari per violenza sessuale aggravata
23/5/2016
Ieri sera, un uomo è stato arrestato dagli agenti della Sezione Volanti di Sassari con l´accusa di atti persecutori e resistenza a pubblico ufficiale
© 2000-2016 Mediatica sas