Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaAmbienteParchi › «Budelli patrimonio di tutti»
A.B. 10 gennaio 2015
Prende il via il nuovo anno del Parco di La Maddalena. Occhi puntati anche su Caprera con il progetto di recupero degli Orti di Garibaldi, la realizzazione del parcheggio di Stagnali ed il potenziamento delle attività del Centro di educazione ambientale, ad alimentare l’attività e gli impegni del Parco
«Budelli patrimonio di tutti»


LA MADDALENA - Sarà l’Isola di Budelli il fiore all’occhiello del nuovo anno per il Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena. In attesa dell’ufficializzazione del Decreto di trasferimento al patrimonio pubblico dell’Isola, previsto già dalla prossima settimana da parte del Tribunale di Tempio, l’Ente di Via Giulio Cesare rilancia le sue attività illustrando gli obiettivi per il 2015. Nel corso di una conferenza stampa convocata nella sede del Parco dal presidente Giuseppe Bonanno, è stato fatto il punto sulle attività che caratterizzeranno l’anno appena cominciato. Occhi puntati sull’Isola di Budelli, ma non solo. Infatti, insieme a questa sarà l’Isola di Caprera con il progetto di recupero degli “Orti di Garibaldi”, la realizzazione del parcheggio di Stagnali ed il potenziamento delle attività del “Cea–Centro di educazione ambientale”, ad alimentare l’attività e gli impegni del Parco.

Comincia una nuova fase per l’Isola di Budelli che, una volta acquisita ufficialmente, dovrà essere adeguatamente valorizzata e resa fruibile in forme compatibili con il suo delicato equilibrio: «Siamo alla battute finali di un percorso che ha visto una mobilitazione importante da parte dell’opinione pubblica perché l’Isola di Budelli divenisse patrimonio della collettività – ha spiegato il presidente dell'Ente Parco – L’Ente sta già lavorando ad una fase successiva che consentirà di mettere a valore quest’immensa risorsa ambientale con il ripristino dello stato dei luoghi, la creazione di percorsi di visite guidate per un accesso e una fruizione sostenibile dell’Isola». La garanzia che Budelli sia un patrimonio pubblico apre la strada al coinvolgimento dei privati per la sua gestione: «non abbiamo mai sostenuto che la collaborazione con i privati fosse un male – spiega Bonanno - Volevamo garanzie perché quel bene fosse ascritto alla collettività, e le abbiamo ottenute». «Il privato e perciò lo stesso Michael Harte – ha voluto sottolineare il direttore dell’Ente Parco Ciro Pignatelli - potranno contribuire alla gestione ecosostenibile del territorio e perseguire i suoi intendimenti di tutela lavorando al fianco del Parco perché gli obiettivi che ha sempre dichiarato possano essere portati a termine».

Anche l’Isola di Caprera rappresenta una costante per le attività dell’Ente Parco, in questo 2015 si raccoglieranno i frutti di questi ultimi anni di lavoro: in particolare per quello che riguarda il parcheggio di Stagnali e il recupero degli Orti di Garibaldi: «Anche rispetto alle vicende relative all’Isola di Caprera siamo ad uno snodo fondamentale avendo superato passaggi di natura burocratica che bloccavano l’esecutività di alcune iniziative». Di queste ore l’avvio di un’interlocuzione con l’Amministrazione Regionale, ed in accordo con la Soprintendenza e con il Demanio dello Stato per la candidatura dell’Isola di Garibaldi al “Mumex: Progetto pilota strategico Poli museali di eccellenza nel Mezzogiorno”. Obiettivo dell’iniziativa è quello di potenziare l’offerta di parte del patrimonio culturale e museale del Mezzogiorno e contribuire alla crescita economica e sociale.

Nella foto: il presidente dell'Ente Parco Giuseppe Bonanno
Commenti
2/12/2016
Questo lo slogan della nuova campagna di educazione ambientale lanciata dal Parco naturale regionale di Porto Conte per il tramite del suo centro di educazione ambientale. L’azione avrà come obbiettivo primario la rinaturalizzazione di luoghi all’interno dell’area parco
© 2000-2016 Mediatica sas