Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaAmbienteAmbiente › Incontro a La Maddalena: «terra da risarcire»
D.C. 8 gennaio 2015
Il Comitato “Risarcire Maddalena” inaugura una battaglia contro la Protezione Civile, la Regione e il Comune al fine di rilanciare il turismo, riappropriarsi della sovranità perduta e risarcirla dall’inquinamento
Incontro a La Maddalena: «terra da risarcire»


MADDALENA – Valorizzare e rilanciare il turismo della Maddalena, sottrarla ad «un inquinamento dannoso» e «riappropriarsi di una sovranità perduta», sono gli obbiettivi della battaglia inaugurata dal comitato “Risarcire Maddalena” contro «i responsabili» del presunto tracollo, ovvero la Protezione Civile, la Regione e il Comune. Una battaglia già persa in parte secondo loro, a causa dei numerosi giovani che sono espatriati e delle attività fiorenti che si sono arrese per via della crisi economica e del «cinismo politico», ma non del tutto vana dal momento che ancora tanto si può fare attraverso la denuncia e le richieste di risarcimento.

Ed in particolar modo il Comitato chiede la bonifica delle aree inquinate, la riconversione, la valorizzazione e il rilancio dell’intera area G8, «trasformata in moderno polo nautico e cantieristico, riportando il bene nelle mani della cittadinanza, con il ritorno ad una gestione diretta da parte dell’amministrazione comunale maddalenina». «Per anni – ha dichiarato Enza Plotino, portavoce di “Risarcire Maddalena” - l’Arcipelago de La Maddalena, fiore all’occhiello e meta obbligata del turismo dell’intera Costa Smeralda, che di questo gioiello ha goduto indirettamente, ha solo potuto guardare, subire - con la pressione antropica e dei natanti che si determina nella stagione estiva - e beneficiare parzialmente dell’offerta turistica della Costa Smeralda».

Un meccanismo che il Comitato vuole fermare a tutti costi riprendendosi la sovranità perduta, agendo per esempio «sui prezzi proibitivi dei trasporti, che dissuadono qualsiasi buona intenzione a visitare l’Arcipelago e che mortificano i movimenti di turisti e pendolari». Tutti discorsi questi di cui il Comitato ridiscuterà il 10 gennaio alla Maddalena di fronte ai rappresentanti delle istituzioni regionali, provinciali e comunali
Commenti
27/8/2016
Maria Gianni, 86 anni, trapiantata da una vita a Porto Torres, è sopravvissuta al crollo dell’hotel “Roma” di Amatrice ed è stata trovata viva da un alpino in un angolo della sua camera da letto appena crollata.
27/8/2016
Positiva la risposta scritta pervenuta dall´Ufficio ambiente a firma dell´assessore all´ambiente Cristina Biancu e del dirigente del settore Claudio Vinci, all’interrogazione presentata dal consigliere comunale sardista Davide Tellini in merito alla decisione autonoma dell’azienda Ambiente 2.0 sulla distribuzione dei cestelli sulla raccolta rifiuti all’interno degli appartamenti condominiali
26/8/2016
Un legame che si rafforza e che oggi diventa anche istituzionale nel nome del Santo patrono turritano, il martire Gavino, venerato nei due centri. Porto Torres e Camposano ufficializzano il gemellaggio con un´intesa condivisa dal sindaco Sean Wheeler, presente in questi giorni nel paese campano in occasione della festa patronale, e dal primo cittadino di Camposano, Franco Barbato
26/8/2016
«No allo sfruttamento di terreni agricoli per la produzione di energia. Le imprese private non possono continuare a sottrarre pezzi importanti di territorio agli agricoltori sardi in nome di chissà quale interesse pubblico». Lo sostiene il consigliere regionale dei Rossomori Emilio Usula, che preannuncia un’iniziativa in Consiglio
27/8/2016
Lo scambio di accuse, recriminazioni, ed infine insulti manifestatisi in questi ultimi giorni tra alcuni esponenti politici di Alghero, a proposito del servizio di nettezza urbana, ha un che di surreale
27/8/2016
Il terremoto dell´Appennino è ancora nel nostro cuore. Le responsabilità, almeno quelle generali sono note. La Natura, che noi amiamo, è, alle volte, leopardianamente matrigna. L´uomo ci ha messo molto del suo, costruendo con furbizia e incoscienza. La macchina della solidarietà è partita. Tanti volontari, compresi i nostri amici di Legambiente, sono già al lavoro nei paesi colpiti
26/8/2016
Stupisce ancora di più l’atteggiamento superficiale che continua a regnare in quel di viale Trento. Anziché ammettere gli sbagli e adottare i correttivi del caso, si preferisce trincerarsi dietro cifre parziali, utilizzate strumentalmente nel tentativo di dimostrare che, tutto sommato, le cose non stanno andando poi così tanto male
© 2000-2016 Mediatica sas