Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaEconomiaLavoro › Il Tar ha deciso: ok all´esproprio Cipnes dei terreni ex Palmera
A.B. 3 gennaio 2015
Il Tribunale amministrativo regionale della Sardegna respinge il ricorso della Trissolbia Spa contro un provvedimento preso a suo tempo dal cda presieduto da Settimo Nizzi sui terreni di S´Arrasolu
Il Tar ha deciso: ok all´esproprio Cipnes dei terreni ex Palmera


OLBIA – Il Tribunale amministrativo della Sardegna ha respinto il ricorso della “Trissolbia Spa” contro un provvedimento preso a suo tempo da Settimo Nizzi sui 7ettari di terreno a S'Arrasolu. Andrà dunque avanti l'esproprio da parte del consorzio industriale “Cipnes”.

Sorride il Consorzio Industriale Provinciale di Olbia, che punta ad una riconversione industriale della zone, con la creazione di un cantiere nautico della “Sno Yachts”. Il progetto gode di un finanziamento regionale di circa 5milioni di euro, reperiti dal Fondo reindustrializzazione aree industriali, che coprirebbe meno della metà del capitale che serve per l'infrastrutturazione della zona. La Trissolbia, invece, indicava come soluzione migliore la realizzazione di una piattaforma di 200metri per l'allestimento e la manutenzione di maxi-yacht.

Una prima sospensione dell'atto di esproprio (firmato nel luglio 2014) era stata ordinata a settembre e respinta ad ottobre dal Tar. La vasta area era rimasta inutilizzata per circa cinque anni e proprio questo era stato uno dei perni del decreto di esproprio.
Commenti
21/3/2017
Approvato le linee guida a cui dovrà adeguarsi Insar nella predisposizione del “Programma di accompagnamento all’esodo”. La dotazione finanziaria è di 6,7 milioni
21/3/2017
Obiettivi della giunta regionale: promuovere contratti stagionali più lunghi attraverso un sistema di contributi a disposizione delle imprese del settore che impiegheranno i propri dipendenti oltre il periodo canonico dei quattro mesi di alta stagione
9:26
Dagli operai la richiesta alla Regione di interloquire con la multinazionale Indorama proprietaria della fabbrica per il rilancio della produzione di Pet
20/3/2017
Il sindacato Uiltec-Uil replica alle rassicurazioni date nei giorni scorsi dalla società ceca Eph sulle modalità e i tempi da impiegare per la dismissione dei gruppi inattivi della centrale di Fiume Santo
© 2000-2017 Mediatica sas