Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaCronacaIncendi › Olbia: posticipato lo stato di elevato pericolo incendi
A.B. 22 ottobre 2014
L’ordinanza sindacale firmata oggi dal primo cittadino Gianni Giovannelli allunga la fine del periodo a più alto rischio al 31 ottobre
Olbia: posticipato lo stato di elevato pericolo incendi


OLBIA – Il sindaco di Olbia Gianni Giovannelli «ordina, per l’’anno in corso, che la fine del periodo in cui vige lo “stato di elevato pericolo di incendi boschivi”, è posticipato all’intera giornata del 31 ottobre 2014». Questo il fulcro dell’ordinanza sindacale firmata mercoledì dal primo cittadino gallurese, decisa in considerazione delle attuali condizioni metereologi che stagionali, soprattutto per quanto riguarda la perdurante siccità, non agevolata dalle temperature, che potrebbero favorire l’innesco e la propagazione di roghi.

Questo non è la prima azione amministrativa che posticipa il periodo, visto che già il 15 ottobre, il sindaco ne aveva firmato uno che prolungava il periodo fino ad oggi, mercoledì 22 ottobre. Infatti, nella stessa giornata era arrivata una determinazione del direttore generale della Protezione Civile della Regione Sardegna, che indicava la stessa data di conclusione.

L’ordinanza da incarico al Comando della Polizia Locale ed a tutti i soggetti istituzionalmente preposti, di sorvegliare la situazione ed eseguire il provvedimento. Il documento è infatti stato trasmesso anche alla Prefettura di Sassari-Ufficio Territoriale del Governo, alla Stazione di Olbia del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale, al dirigente del Settore Ambiente e Manutenzioni ed al responsabile della Protezione Civile del Comune di Olbia.

Nella foto: il sindaco di Olbia Gianni Giovannelli
Commenti
15:02
La Protezione civile, il Corpo forestale, i vigili del fuoco tra ieri notte e stamattina sono dovuti intervenire per spegnere gli incendi divampati nel Nuorese e nel Cagliaritano
12:00
Ad innescare il rogo, secondo i primi accertamenti effettuati dai carabinieri di Carloforte e dai vigili del fuoco di Carbonia, sarebbe stato un corto circuito.
27/8/2016
I Vigili del Fuoco hanno da poco concluso le operazione di spegnimento degli ultimi focolai dell´incendio che ha distrutto i capannoni della Di Penta
© 2000-2016 Mediatica sas