Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaPoliticaSanità › Ultimatum Qatar: «Entro 23 ottobre le risposte»
S.A. 16 ottobre 2014
Sarebbe questo il senso della lettera che la Qfe ha inviato al sottosegretario della Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio e al presidente della Regione Francesco Pigliaru
Ultimatum Qatar: «Entro 23 ottobre le risposte»


OLBIA - Ultimatum da parte della Qatar Foundation: se entro il 23 ottobre il governo non darà delucidazioni sulla struttura dell'ex San Raffaele a Olbia, l'intero investimento in Sardegna potrebbe saltare. Sarebbe questo il senso della lettera che la Qfe ha inviato al sottosegretario della Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio e al presidente della Regione Francesco Pigliaru. Il 23 ottobre sarà in Italia il Ceo della Qfe Rashid Al Naimi che vorrà una risposta definitiva.

«Siamo a conoscenza della preoccupazione della Qatar Foundation per quanto riguarda le difficoltà nell'acquisizione dello stabile in cui dovranno essere avviate le attività del nuovo ospedale di Olbia. È un investimento importantissimo per la Sardegna e quindi non possiamo che esprimere con forza l'auspicio che la procedura in corso dia un esito positivo in tempi rapidissimi, così come rapidissimi sono stati i tempi tenuti dalla Regione per raggiungere il buon esito politico e amministrativo».

Lo ha detto all'Ansa il presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru, in merito alla lettera della Qfe sull'investimento da 1,2 miliardi di euro al San Raffaele di Olbia. «Da parte nostra - ha aggiunto il governatore - siamo stati e siamo disponibili a sostenere ogni legittima iniziativa che possa garantire l'immediato avvio delle opere». Nei giorni scorsi in un incontro a Olbia con l'amministrazione comunale, l'Asl e la società del Qatar erano emerse anche delle alternative alla struttura.
Commenti
20:09
Linee di indirizzo per l’Azienda regionale per l’emergenza-urgenza: arrivano dalla Giunta regionale e serviranno per garantire la coerenza con le funzioni ed i compiti ad essa attribuiti dalla legge
13/12/2017
La grande maggioranza dei maiali abbattuti ad Arzana, Desulo ed Orgosolo è risultata positiva ai primi test per la Pesta suina africana. Il pascolo brado alimenta l´endemicità della malattia in quei territori
© 2000-2017 Mediatica sas