Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaPoliticaSanità › Ex San Raffaele: ok commissione Sanità
A.B. 1 ottobre 2014
Parere favorevole dalla Commissione Sanità della Camera alle norme contenute nel decreto Sblocca Italia che rendono possibile l’investimento della Qatar Foundation Endowment
Ex San Raffaele: ok commissione Sanità


OLBIA - Parere favorevole dalla Commissione Sanità della Camera alle norme contenute nel decreto “Sblocca Italia” che rendono possibile l’investimento della “Qatar Foundation Endowment” nell’ex Ospedale San Raffaele di Olbia. Nell’esprimere il parere sul decreto, la Commissione, attraverso il presidente e relatore Pierpaolo Vargiu (Riformatori), ribadisce la necessità di «introdurre modifiche volte a garantire l’attento monitoraggio da parte della Regione e del Ministero della Sanità dell’effettiva rispondenza della qualità delle prestazioni sanitarie e della loro piena integrazione con la restante offerta sanitaria pubblica in Sardegna, nonché a definire un limite temporale ravvicinato per la adozione del proprio piano di razionalizzazione della rete ospedaliera».

Per Vargiu, «l’accordo sull’ex San Raffaele è un investimento che mira a sollevare la qualità della sanità e della ricerca in Sardegna: è dunque opportuno che la Regione e il Ministero controllino, con attenzione e senza sconti, quanto e come i cittadini sardi ne beneficeranno e per questo presenterò un emendamento per migliorare il provvedimento». Come accertato durante la missione della Commissione della Sanità di Montecitorio, tenutasi in luglio a Cagliari e Olbia, l’impegno economico della Qatar Foundation – specifica il parere - non appare affatto straordinario: annunciato nell’ordine del miliardo di euro in dieci anni, è in realtà in larga parte coperto dalla contropartita di prestazioni garantite in regime d’accreditamento da parte della Regione, per ben 556milioni di euro nel decennio».

La straordinarietà dell'intervento del presidente del Consiglio e delle due modifiche di legge è invece giustificata dalle complessive opportunità di sviluppo per la nostra Isola: la collaborazione tra la Sardegna e la Qatar Foundation nei settori dell’energia, della ricerca e dell’“Ict” può aprire nuove frontiere e dare nuove prospettive ai sardi. Nel dare dunque l'ok alle due deroghe legislative per la Regione Sardegna, che consentono l’aumento del numero dei posti letto e l’incremento sino al 6percento del tetto della spesa per l’acquisto di prestazioni da privati accreditati, la Commissione Sanità ricorda che esse sono circoscritte soprattutto al triennio 2015-2017 e che il loro peso economico è comunque interamente a carico della Regione sarda: una sfida impegnativa per una Regione che ha un disavanzo in sanità che oggi oscilla intorno ai 400 milioni di euro.
Commenti
22/7/2016
Quanti, al 31 dicembre 2015, erano in possesso del riconoscimento di handicap grave, potranno inoltrare istanza per la predisposizione di un piano personalizzato di sostegno
21/7/2016
La denuncia è del coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa, che annuncia la presentazione di un’interrogazione urgente in Consiglio regionale
22/7/2016
L´isola è la prima ad aver recepito l’intesa della Conferenza delle Regioni sui percorsi diagnostici terapeutici assistenziali per persone con malattie infiammatorie croniche dell´intestino e malattie reumatiche infiammatorie ed autoimmuni
22/7/2016
«Il mancato pagamento delle prestazioni dell’Aias da parte delle aziende sanitarie regionali sta creando sconcerto e sconforto in 1240 dipendenti qualificati che lavorano nelle 43 strutture regionali e che aspettano cinque mensilità di retribuzione», dichiara Marco Tedde, vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale
22/7/2016
Nel giro di qualche settimana la rete sarà costituita dai presidi di soccorso e in totale da 11 defibrillatori posizionati in punti strategici della città e delle frazioni
22/7/2016
Quella che era una bandiera della giunta regionale è ormai un drappo lacerato dalla guerra tra le comari eccellenti del PD sardo e del centro-sinistra in generale. Si mira solo a porre il sistema sanitario sotto uno stretto controllo delle camarille politiche, con il copia e incolla di un modello già sperimentato e fallito in altre Regioni
21/7/2016
Lo ha dichiarato Stefano Tunis, consigliere regionale di Forza Italia, commentando il cospicuo numero di emendamenti presentato dalla giunta Pigliaru e dalla maggioranza
© 2000-2016 Mediatica sas