Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaCronacaCronaca › Lavanderia truffa Comune: Denunciati
A.B. 12 febbraio 2014
Denuncia in stato di libertà del titolare e di due commesse in concorso tra loro in servizio in una lavanderia, per falso e tentata truffa ai danni dell’Amministrazione comunale di Olbia
Lavanderia truffa Comune: Denunciati


OLBIA – Da un normale controllo del traffico automobilistico effettuato lo scorso gennaio, la Polizia Stradale di Olbia era venuta in possesso di una ricevuta di una lavanderia che, su mandato del Comune gallurese, lavava gratuitamente la biancheria delle persone vittime dell’alluvione. Nel documento, risultava che un tappeto (del peso reale di circa 10chilogrammi) era stato registrato con un peso di ben 100chilogrammi.

Gli agenti, insospettiti dall’evidente differenza, avviavano un’attività di indagine e, dopo una serie di accertamenti espletati anche da personale della squadra di Polizia Giudiziaria della Sezione di Sassari, appurava una serie di irregolarità. In particolare, acquisita una copia del contratto stipulato e firmato dai gestori di otto lavanderie con il Comune di Olbia, per il lavaggio dei capi di abbigliamento alluvionati, a spese dell’Amministrazione comunale, risultava che sette lavanderie
Fornivano un servizio “a numero di capi”, mentre, l’esercizio indagato, forniva il servizio in cambio di una corresponsione di due euro al chilogrammo.

Dalla lettura di tutte le fatture, (circa cinquecento) si scoprivano evidenti pesi abnormi fatturati. Gli agenti della Stradale hanno visionato, fotografato e pesato le biancherie in oggetto. Tutte le persone sentite riferivano che il peso della merce era stato artatamente aumentato almeno del 70percento rispetto al reale, facendo emergere in maniera inconfutabile il tentativo di truffa messo in atto dal titolare della lavanderia. Ad esempio, per le esigenze domestiche per una famiglia era stato fatturato un peso di 30quintali di biancheria, mentre il peso reale era di un solo quintale; oppure, per una scuola per l’infanzia, mentre il documento di trasporto riporta in 3900chilogrammi il peso della biancheria lavata, in realtà il peso non superava i 500chili.

All’inizio di febbraio, l’esito di tutta l’attività è stata riferita all’Autorità Giudiziaria di Tempio Pausania con un dettagliato rapportato informativo, che vede denunciate in stato di libertà il titolare e due commesse dell’esercizio. Così, è stato stroncata il tentativo di truffa messo in atto dal titolare della lavanderia che, dalla visione delle fatture, fino ad ora avrebbe causato un ingiusto profitto ed un contestuale danno alla collettività quantificabile in circa 130mila euro.
Commenti
23/4/2014
«Si tratta di una lettera calunniosa», ha detto il sindaco di Arzachena in una conferenza stampa nella quale ha voluto che tutti sapessero della missiva dove lo si accusa di aver intascato delle mazzette per il villaggio. La lettera è stata recapitata giovedì scorso agli uffici comunali
23/4/2014
Questa mattina, il centro commerciale di Quartucciu è stato teatro di un’autentica scena da film, tra persone ferite e vetrine danneggiate
22/4/2014
Ad aggredirla una donna nigeriana, di 39, ora ricoverata in ospedale nel Reparto di Psichiatria che si è giustificata con la polizia che l´ha bloccata e denunciata dicendo «mi guardava male»
22/4/2014
Al cimitero di San Pietro è stato deposto un discreto mazzo di fiori sulla tomba del carabiniere ucciso 26 anni fa a Bologna dalla famigerata banda della Uno Bianca
23/4/2014
Questa mattina, dopo aver speronato il Suv di uno dei titolati della Sodigas di Sestu, ignoti sono scappati con un bottino di circa 5mila euro
23/4/2014
Fu assessore comunale tra il 1989 ed il 1994, nelle Giunte Benenati e Greco. Aveva 81anni, lascia una figlia
11:44
L´aggressione era avvenuta il 26 marzo in via Dante, dove l´uomo staziona da diverso tempo. Dopo una serie di verifiche e alcune testimonianze, i militari hanno denunciato per lesioni un barista di 33 anni e un 37enne di Monserrato
12:26
Tre uomini armati e con il viso coperto hanno dato l´assalto al mezzo pronto per la distribuzione nelle tabaccherie del Nuorese, in via Monsignor Cogoni, all´altezza del deposito tabacchi. Non si è fatta attendere la reazione degli addetti che hanno messo in fuga i banditi
© 2000-2014 Mediatica sas