Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notiziealgheroEconomiaEnogastronomia › «Polpa di riccio subito vietata»
A.S. 25 marzo 2019
Non ha dubbi Marco Busdraghi, esperto sub di Alghero che fa sua la preoccupazione resa pubblica dall´associazione no profit che punta sull´etica enogastronomica e combatte contro il prelievo indiscriminato dei ricci di mare
«Polpa di riccio subito vietata»


ALGHERO - «Da esperto subacqueo e pescatore di ricci con licenza condivido la denuncia. La produzione e vendita di polpa di riccio va vietata da subito». Non ha dubbi Marco Busdraghi, esperto sub di Alghero che fa sua la preoccupazione resa pubblica in una lettera aperta da Quietica, l´associazione no profit che punta sull´etica enogastronomica e combatte contro il prelievo indiscriminato dei ricci di mare [LEGGI].

«È per colpa di questa moda, che ha trasformato una piacevole tradizione del sabato e della domenica, e solo nei mesi di gennaio e di febbraio, in uno sfruttamento irresponsabile che negli ultimi anni ha causato un incredibile depauperamento della specie. tanto che il riccio di mare sta scomparendo dai fondali, e questo incredibilmente anche per colpa delle assurde regolamentazioni imposte» rilancia Busdraghi, che i fondali della Riviera del Corallo li conosce molto bene.

Quietica è impegnata da mesi in una campagna di sensibilizzazione a livello regionale sulla tutela dei ricci. «Se davvero si vuole fare qualcosa di concreto - è l'appello lanciato all'indirizzo degli organizzatori della rassegna "Rosso di Mare" in corso di svolgimento nella città di Alghero - bisogna vietare e scongiurare l'utilizzo e la vendita dei ricci di mare nei ristoranti».

Nella foto: l'esperto sub di Alghero, Marco Busdraghi
Commenti
16/4/2019
L’eccellenza come filosofia aziendale, nel rispetto dell’ambiente, della tradizione e dell’identità: l’extravergine biologico Dop Sardegna da cultivar autoctoni di Accademia Olearia è Presidio Slow food
17/4/2019
Quest’anno, la Plataforma per la llengua, organizzazione che lavora per promuovere la lingua catalana come strumento di coesione sociale, compie venticinque anni ed intende celebrarli programmando attività culturali e ludiche in tutti i territori dove lavora
© 2000-2019 Mediatica sas