Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notiziesardegnaCronacaAgricoltura › Latte, nuovi blocchi in Sardegna. Pastori: pronti a bloccare i seggi
S.O. 11 febbraio 2019
E´ Thiesi il cuore della protesta, davanti al caseificio Pinna. «Noi non cediamo alle provocazioni. E soprattutto i pastori non mollano. Chi può, venga a Thiesi». Blocchiamo la democrazia, ognuno si assuma le proprie responsabilità
Latte, nuovi blocchi in Sardegna
Pastori: pronti a bloccare i seggi


PORTO TORRES - I pastori sardi lanciano un ultimatum alle istituzioni: se non si troverà una veloce soluzione sul prezzo del latte, annunciano il blocco dei seggi in tutta l'Isola per le elezioni regionali di domenica 24 febbraio. «Se entro pochi giorni non si trovano soluzioni per il nostro settore - dice il coordinamento dei pastori - bloccheremo la Sardegna il 24 febbraio, il giorno delle votazioni. Non entrerà nessuno a votare: non è che non andiamo a votare, non voterà nessuno, blocchiamo la democrazia, ognuno si assuma le proprie responsabilità».

La protesta figlia della disperazione. Non solo a Porto Torres dove il tir è stato fermato, anche nel Cagliaritano e nel Nuorese è ripresa questa mattina la protesta dei pastori per il crollo del prezzo del latte. Circa un centinaio di allevatori ha bloccato la Statale 131 in direzione Cagliari, nel territorio comunale di Sanluri. Con la stessa tecnica utilizzata nelle ultime 48 ore, i pastori hanno ostruito la carreggiata con alcuni bidoni all'altezza del chilometro 40, vicino al bivio per Villasanta. Decine di litri di latte sono stati poi versati sulla strada.

La posizione dei Consorzi. «Visto lo stato di crisi in cui attualmente versa il sistema ovicaprino sardo e l'estrema instabilità del mercato che sta causando gravi danni a tutta la filiera e in primis ai produttori della materia prima, i Consorzi di Tutela del Pecorino Sardo e del Fiore Sardo, e le aziende che li compongono, rivolgono innanzitutto un appello a tutti gli attori della filiera affinché vengano ritrovate al più presto la serenità e la lucidità necessarie per riprendere il dialogo e aprire la strada ad un confronto costruttivo e non sterile». E' quanto si legge in una nota congiunta dei due Consorzi.

Prime denunce in Sardegna. Scattano le prime denunce per le proteste dei pastori che dilagano dal nord al sud della Sardegna. Cinque persone segnalate all'autorità giudiziaria per danneggiamento e violenza privata. Si tratta di due fratelli di 22 e 23 anni, di un 22enne, tutti disoccupati di Ortacesus, e di due allevatori di Senorbì, di 23 e 54 anni. I cinque ieri mattina hanno partecipato alla manifestazione davanti all'azienda casearia Serra, a Ortacesus, cercando di impedire l'ingresso delle autocisterne cariche di latte. In due occasioni, l'autotrasportatore è stato costretto ad aprire le valvole e sversare sul terreno prima 4.000 mila liti di latte, poi 7.000.
Commenti
21/2/2019
Dopo l´incontro di oggi, i pastori hanno annunciato che domenica, in occasione delle Elezioni regionali, faranno qualche iniziativa, non meglio spiegata. A questo punto, torna d´attualità il “blocco dei seggi”, già paventato nelle ultime settimane
21/2/2019
La Giunta regionale ha deciso di destinare 450 mila euro, a partire da quest’anno e fino al 2021, a favore di progetti di studio, promozione e valorizzazione delle iniziative di agricoltura sociale realizzate in Sardegna da imprese agricole che svolgono attività di fattoria sociale
22/2/2019
Un passo avanti finalmente risolutivo, sul piano del superamento della crisi che ha colpito il sistema delle Associazioni provinciali allevatori in Sardegna, è giunto da un incontro in cui la Regione autonoma della Sardegna e l’Associazione regionale allevatori hanno sottoscritto il Protocollo d’Intesa che prevede alcuni importanti novità a partire dalla salvaguardia di tutti i posti di lavoro
© 2000-2019 Mediatica sas