Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieoristanoEconomiaElezioni › Artigiani al voto: ecco le richieste
Red 18 gennaio 2019
Gli imprenditori di Confartigianato Oristano chiedono interventi urgenti sulla formazione, sull´urbanistica e sulle infrastrutture. «Ecco la linea del mondo produttivo per presidente e i futuri consiglieri», illustrano Sandro Paderi e Marco Franceschi
Artigiani al voto: ecco le richieste


ORISTANO - 3.094 imprese artigiane, 6.057 persone impegnate al lavoro, 287milioni di euro di valore aggiunto e 31milioni di export. E’ questa, in sintesi, l’economia artigiana oristanese, che rappresenta il 21,1percento di tutte le attività produttive della provincia. Una forza economica, quella delle piccole e medie imprese di Oristano e del resto dei paesi, che attraversa ancora una fase di ripresa molto delicata con la maggior parte delle realtà che ha ripreso vigore mentre, per alcune, la situazione è ancora quella di “galleggiamento”.

Anche di questo ha parlato, mercoledì sera, ad Oristano, una rappresentanza degli artigiani, nell’assemblea territoriale organizzata da Confartigianato imprese Sardegna e Confartigianato Oristano, per definire le priorità artigiane da sottoporre, attraverso il “Rating Sardegna 2019-2024”, ai candidati in vista del rinnovo del Consiglio regionale. Uno strumento, quello del Rating che, durante il prossimo quinquennio, servirà a valutare la qualità dell’impegno della politica sarda rispetto alle necessità del “Sistema artigiano” territoriale e regionale.

Il credito, la competitività, la burocrazia, il lavoro e la formazione, il territorio e l’ambiente, le infrastrutture, la riforma dell’Artigianato, i trasporti e l’energia, sono gli argomenti cari alle imprese sui quali l’associazione artigiana, entro le prossime settimane, rielaborerà le richieste del sistema produttivo per presentarle ai futuri amministratori regionali per indicare loro le azioni da compiersi nella prossima legislatura. Tra le altre problematiche emerse dall’incontro, e segnalate dagli imprenditori, indice puntato su formazione, infrastrutture ed urbanistica.

Sulla formazione, gli artigiani hanno chiesto nuove opportunità, norme e fondi per far accrescere e potenziare le competenze professionali dei datori di lavoro e delle maestranze, mentre per le infrastrutture è arrivata la richiesta di soluzioni per l’ammodernamento delle reti viarie e portuali. Sull’urbanistica, la richiesta è stata quella di una nuova legge regionale, che possa consentire anche di migliorare e riqualificare, con più facilità, il patrimonio esistente riducendo il consumo del suolo.

«Saranno gli artigiani oristanesi che presenteranno il programma ai candidati e non viceversa – ha sottolineato il presidente di Confartigianato Oristano Sandro Paderi - sarà il sistema produttivo dei piccoli imprenditori a indicare al futuro presidente e ai futuri consiglieri, in modo chiaro e verificabile, le azioni da perseguire per uno sviluppo reale e concreto del settore». «Gli artigiani – ha rimarcato il segretario provinciale di Confartigianato Oristano Marco Franceschi - credono fortemente in questo nuovo modo di rapportarsi con la politica ovvero quello di passare dall’essere “parte passiva” del sistema di Governo, a finalmente “parte attiva”».

Nella foto: un momento dell'assemblea
Commenti
18/4/2019
Il movimento ecologista ispirato ai movimenti dei Verdi europei, parteciperà alle Elezioni comunali del 16 giugno. Capolista sarà l´attuale consigliere comunale di Maggioranza e responsabile locale di Legambiente Roberto Barbieri
17/4/2019
Prosegue a tamburo battente l’ascolto, il confronto e la raccolta di idee che il Movimento 5 stelle Alghero sta portando avanti, con il contributo delle diverse realtà che compongono il tessuto socio-economico del territorio di Alghero
17/4/2019
Il nuovo progetto civico, partendo da Sinistra italiana e Campo Progressista, vuole essere uno spazio per la sinistra della città, creando una rete di esperienze politiche, associative, culturali, progressiste, democratiche ed ecologiste unite da valori e temi condivisi
© 2000-2019 Mediatica sas