Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notiziesardegnaPoliticaElezioni › «Giù le mani dalla legge elettorale»
A.S. 4 ottobre 2018
Così il candidato governatore del Movimento 5 Stelle in Sardegna, che a quattro mesi dal voto parla di rischio inciuci tra Centrodestra e Centrosinistra
«Giù le mani dalla legge elettorale»


CAGLIARI - «Con il pretesto della governabilità, a quattro mesi dal voto centrodestra e centrosinistra vogliono cambiare la legge elettorale ma solo per garantirsi a vicenda un posticino in Consiglio. Un vero e proprio inciucio, uno scandalo che il Movimento 5 Stelle contrasterà a tutti i livelli e con tutte le sue forze e contro il quale chiederemo la mobilitazione di tutti i sardi. Perché a quattro mesi dalle elezioni la legge elettorale non si cambia». Lo afferma Mario Puddu, candidato del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione alle prossime elezioni di febbraio.

«Il Consiglio regionale ha avuto a disposizione tutta le legislatura per cambiare la legge e lo ha anche fatto pochi mesi fa, introducendo la doppia preferenza di genere. Solo che ora centrosinistra e centrodestra si rendono conto che, per effetto di una legge che noi cambieremo quando saremo al governo della Regione, uno tra i candidati alla presidenza espressi dal centrodestra e dal centrosinistra resterà fuori dal Consiglio. Perché credete che ci stiano mettendo così tanto a scegliere il loro candidato?» continua Puddu, «Perché sanno bene che non gli possono garantire la poltrona! Ecco che dunque adesso c’è la necessità di cambiare la legge per consentire anche al terzo candidato più votato alla presidenza di entrare il Consiglio».

Per Puddu «il pretesto è quello di affermare che con questa legge ci sarebbe il rischio ingovernabilità: la verità è che siamo davanti all’estremo tentativo della casta politica di perpetuare se stessa a danno di sardi. Noi ci opporremo con tutte le nostre forze ad una modifica in extremis della legge elettorale. Impediremo questo ennesimo inciucio tra centrodestra e centrosinistra. Ormai il tempo per cambiare le regole è scaduto: ci penserà il Movimento 5 Stelle, quando sarà al governo della Regione, a dare ai sardi una nuova legge elettorale. Ma ora si vada al voto con questa. Il tempo delle truffe ai danni dei sardi è terminato».
Commenti
19/10/2018
«Dobbiamo riaffermare il nostro ruolo guida all’interno del centrodestra. No ad un partito che decide in solitudine». Così Salvatore Cicu, e con lui Pietro Pittalis (Deputato FI), Alessandra Zedda (Consigliere Regionale FI), Stefano Coinu (Consigliere Regionale FI), Antonello Peru (Consigliere Regionale FI), Marco Tedde (Consigliere Regionale FI), che si fanno portatori di un evento che radunerà a Cagliari gli stati generali e il popolo di Forza Italia
18/10/2018
E´ faida interna in Forza Italia, sempre più a pezzi in Sardegna come nei territori. Lettera di "pseudo" coordinatori locali immediatamente stracciata da Alivesi, commissario provinciale di Sassari
18/10/2018 video
Nasce in Riviera del corallo l’alleanza tra Energie per l’Italia ed i liberali di Ali in vista delle prossime elezioni Regionali e Comunali. «In continuità con il lavoro svolto da “Azione Alghero”, federata con Epi fin dal momento della sua nascita, intendiamo svolgere un ruolo attivo nella costruzione del progetto politico del Centrodestra per Alghero», evidenzia nella duplice veste di vicecoordinatore regionale del partito e di coordinatore cittadino Marco Di Gangi. La sua intervista al Quotidiano di Alghero.
© 2000-2018 Mediatica sas