Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieportotorresAmbienteAnimali › Porto Torres, gatti sbranati dai cani: «il Comune intervenga»
Mariangela Pala 9 agosto 2018
Agiscono in branco ormai fuori controllo e prendono di mira i gatti, aggrediti e uccisi dai cani immessi in libertà dall’amministrazione comunale
Porto Torres, gatti sbranati dai cani: «il Comune intervenga»


PORTO TORRES - Agiscono in branco ormai fuori controllo e prendono di mira i gatti, aggrediti e uccisi dai cani immessi in libertà dall’amministrazione comunale. Stanno creando allarme i cani che risiedono nella zona industriale e che abitualmente dalla periferia raggiungono le vie del centro durante il giorno e la notte prendendo di mira i poveri felini, spesso inseguiti e dilaniati dal cani. Una situazione che deve essere affrontata prima che possa diventare pericolosa anche per le persone.

La vicenda è stata denunciata in consiglio comunale dal consigliere Davide Tellini che ha inoltrato un’interrogazione al sindaco e all’assessore all’ambiente. «Come segnalato da diversi cittadini in queste giornate alcuni branchi di cani definiti randagi, ma che, come si apprende da alcune note stampa pubblicate in questi giorni, - dichiara Tellini - pare siano dotati di microchip intestato alla amministrazione comunale, stiano aggredendo e sbranando dei felini che abitualmente stazionano nel centro storico di Porto Torres». I cani in questione abitualmente dimorano nelle aree prospicienti gli ingressi della zona industriale, già segnalati dal consigliere per la loro aggressività confermata peraltro anche dal comando di Polizia municipale.

«Il sindaco Sean Wheeler e l'assessore Cristina Biancu sostenerono che era necessario una verifica da parte di un veterinario comportamentalista che sarebbe poi stato coadiuvato da un esperto locale volontario – spiega Tellini - nella stessa nota il sindaco si impegnava a trasmettere la relazione del veterinario ma ad oggi nessun atto è pervenuto all'interrogante». Motivazioni che hanno indotto il consigliere a chiedere all’amministrazione di conoscere quali azioni intende mettere in campo per la soluzione definitiva del problema segnalato, «oltre che a comunicare in aula gli esiti della relazione eseguita da parte del veterinario».
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas