Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieportotorresPoliticaAmministrazione › Avanzo di 7 milioni: «smentita la giunta Wheeler »
Mariangela Pala 12 luglio 2018
Il Partito sardo d’azione denuncia l’incapacità politica di un’amministrazione basata esclusivamente sulla ricerca dei “misfatti” delle precedenti amministrazioni e sugli annunci di “casse vuote”
Avanzo di 7 milioni: «smentita la giunta Wheeler »


PORTO TORRES - «Tre anni di delirio amministrativo e di avanzi di bilancio milionari hanno smentito categoricamente il sindaco Wheeler e la sua maggioranza, che resta incollata alle poltrone solo per portare a casa qualche immeritato stipendio o gettone di presenza». Il Partito sardo d’azione denuncia l’incapacità politica di un’amministrazione basata esclusivamente sulla ricerca dei “misfatti” delle precedenti amministrazioni e sugli annunci di “casse vuote”.

«Quando il sindaco Wheeler ha ammesso candidamente la sua incapacità a programmare 100 milioni di euro di finanziamenti statali, la reazione dei cittadini è stata solo indignazione e disprezzo. Come se non bastasse, qualche giorno fa, l'assessore al bilancio ha voluto mortificare ulteriormente la città dichiarando di non essere in grado di spendere addirittura 6,9 milioni di euro». Il partito dei Quattro Mori ringrazia le precedenti amministrazioni che hanno lasciato in dote bilanci sani, finanziamenti comunitari, statali e regionali per poter eseguire interventi di risanamento ambientale, di recupero del decoro cittadino, programmare asfalti per 1,2 milioni di euro e, soprattutto, l'abbattimento della pressione fiscale per i cittadini.

«Le ammissioni di sindaco e assessore certificano la loro totale incapacità e inadeguatezza amministrativa, – rincara la dose il Psd’Az - non solo non riescono a formulare uno straccio di nuovo progetto, ma neanche a portare avanti quelli esistenti, ereditati da chi li ha preceduti. Dare sempre la colpa agli altri non funziona più, la città si è resa conto che non siete più credibili». Pieno riconoscimento al diritto di governare per il M5s che nel 2015 ha vinto le elezioni ma «la città a noi ha assegnato un ruolo di minoranza ossia quello di portare avanti, eventualmente, un'opposizione costruttiva, indicandolo tutti i punti da portare avanti e individuando le coperture finanziarie di cui eravamo a conoscenza, cosa che abbiamo sempre fatto. senza peraltro volerci sostituire a nessuno».

Per questo i sardisti sostengono sia sbagliato puntare ogni volta il dito su dirigenti, funzionari o enti esterni al comune, «con il solo fine di fare credere che la colpa non è mai la loro, è solo un becero tentativo di camuffare i propri fallimenti! La verità è che la responsabilità è sempre di chi governa la città e, pertanto, di questo sindaco e di questa maggioranza». Pertanto quanto affermato in consiglio dall’assessore al Bilancio «è il segnale tangibile che chi li ha preceduti ha ben amministrato ed ha lasciato i fondi necessari per realizzare tutta una serie di progetti per eseguire la normale e la straordinaria amministrazione. Progetti a cui in questi 3 anni non si è dato un seguito e che avrebbero potuto dare un po’ di ossigeno a questa città».

Uno su tutti, quello sulle bonifiche dell’area industriale, sul quale le precedenti amministrazioni si sono spese in studi importanti, pressanti incontri con Eni, Regione e Governo, interminabili conferenze di servizi e quant’altro. «Il territorio da queste bonifiche si aspetta, non solo il ripristino ambientale del sito e l’occupazione di imprese e maestranze locali nell’esecuzione delle opere, ma soprattutto - conclude il Psd’Az - la restituzione di quegli spazi per l'insediamento e lo sviluppo di piccole e medie imprese artigianali e industriali, il tutto per garantire il rilancio economico e occupazionale del nostro sito industriale».
Commenti
13/11/2018 video
I Servizi sociali aprono a Lo Quarter dopo il provvisorio alloggio in Via Columbano conseguente all'emergenza ed alla chiusura del vecchio Cra di Viale della Resistenza. I consiglieri di minoranza Emiliano Piras, Maria Grazia Salaris, Nunzio Camerada e Monica Pulina si scagliano pesantemente contro la decisione dell’Amministrazione comunale di Alghero di destinare gli atelier agli uffici ricevimento al pubblico. «È una scelta scellerata», urlano al microfono del Quotidiano di Alghero sottolineando, a loro dire, l’assenza di privacy. Le immagini
14/11/2018 video
«E' una scelta che va incontro agli algheresi». Il sindaco di Alghero, Mario Bruno, tronca sul nascere ogni polemica e bolla come strumentale e propagandistica la denuncia dei consiglieri di opposizione. Per i servizi sociali è «garantita privacy e sicurezza», assicura, perseguendo quella che è una scelta strategica dell´Amministrazione, ampiamente apprezzata dai cittadini: «avvicinare tutti gli uffici in centro città». Dopo la chiusura del vecchio Cra, infatti, anche gli uffici dei servizi sociali sono stati temporaneamente alloggiati in via Columbano prima di trovare momentaneamente casa nel piazzale del Quarter. Le parole del sindaco Quotidiano di Alghero.
14/11/2018
Il confronto con l´amministrazione comunale di Porto Torres è avvenuto martedì 13 novembre con i segretari territoriali dei sindacati del comparto Funzione pubblica e le rispettive Rsu
14/11/2018
Una giornata con il sindaco di Sassari per Giovanni Zuri, così da osservare il funzionamento della macchina amministrativa da vicino. Ha preso il via l´iniziativa dedicata ai giovani tra i 16 e i 28 anni
14/11/2018
Proseguirà venerdì pomeriggio, negli spazi del Centro per l´educazione ambientale e la sostenibilità, il percorso di Bilancio partecipativo che il Comune di Sassari e la Circoscrizione unica della Nurra hanno avviato nelle borgate
© 2000-2018 Mediatica sas