Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notiziecagliariPoliticaRegione › Statuto sardo: Erriu e Spano a Cagliari
Red 29 giugno 2018
Gli assessori regionali agli Enti locali ed agli Affari generali hanno partecipato all’incontro sul tema “L’Italia della Costituente e dello Statuto sardo. Il ruolo della Regione e delle Autonomie locali”, organizzato dalla Regione autonoma della Sardegna nell’Aula magna dell’Edificio Baffi della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche
Statuto sardo: Erriu e Spano a Cagliari


CAGLIARI - «Oggi abbiamo onorato i settant'anni dello Statuto con una riflessione approfondita sulle prospettive della Carta autonomistica. Siamo consapevoli che sia opportuno mettere in campo forme di pedagogia politico-culturale su un tema fondamentale per lo sviluppo della Sardegna. Tutto questo, nel quadro di un percorso che deve coinvolgere pienamente amministratori e comunità per far crescere una comune consapevolezza sul valore e sul significato della nostra Autonomia e sulla necessità di un suo adeguamento alle mutate esigenze dell’isola». Lo ha detto l’assessore regionale agli Enti locali Cristiano Erriu, intervenuto insieme all’assessore regionale agli Affari generali Filippo Spanu all’incontro sul tema “L’Italia della Costituente e dello Statuto sardo. Il ruolo della Regione e delle Autonomie locali”, organizzato dalla Regione autonoma della Sardegna nell’Aula magna dell’Edificio Baffi della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche dell'Università degli studi di Cagliari.

Spanu ha sottolineato che «il migliore sviluppo della nostra esperienza autonomistica è la costruzione federalista, un’idea, in linea con la dimensione storica e la posizione geografica dell’Isola, su cui però occorre lavorare molto. Dobbiamo acquisire maggiore coscienza del ruolo della Sardegna nel contesto del Mediterraneo e nei rapporti con i Paesi della sponda sud. Non dobbiamo chiuderci. Rafforzare la nostra autonomia vuole dire anche potenziare il processo di apertura con i Paesi del Nord Africa e con le regioni insulari, nel solco di quanto la Giunta guidata da Francesco Pigliaru ha fatto in questi anni».

All’incontro, hanno preso parte gli storici Agostino Giovagnoli (docente all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano), Aldo Accardo e Luca Lecis (Università di Cagliari). Giovagnoli ha rimarcato che «le celebrazioni per i settant'anni dello Statuto non devono essere un atto puramente formale, perché l’oblio è pericoloso e i valori incarnati dalla Carta autonomistica devono essere tenuti vivi e rafforzati tenendo conto delle istanze espresse dalle comunità».

Nella foto: un momento dell'incontro
Commenti
21/7/2018
«Il regionalismo differenziato è altra cosa rispetto alla specialità. Pieno impegno da parte delle Regioni a Statuto speciale a contribuire alla riduzione del deficit dello Stato ma rifiuto ad ogni imposizione non concordata in tema dell’entità degli accantonamenti». Questo il fulcro della dichiarazione del presidente del Consiglio regionale, in visita a Roma per incontrare il ministro per gli Affari regionali
21:17
«Siamo in prima linea per il riconoscimento dei diritti della Sardegna», dichiara il vicepresidente della Regione autonoma della Sardegna ed assessore della Programmazione, che domani mattina rappresenterà l´Ente nel convegno cagliaritano
8:07
Domani mattina, all’iniziativa promossa da Campo progressista Sardegna, introdotta come consuetudine dal fratello Pino, seguirà il ricordo istituzionale del presidente del Consiglio Gianfranco Ganau
20/7/2018
«Indispensabile unire le forze e chiudere il progetto entro l´anno», ha dichiarato l´assessore regionale della Programmazione Raffaele Paci, in materia di Zone interne e spopolamento
© 2000-2018 Mediatica sas