Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieportotorresCulturaAssociazionismo › AssoAsinara ancora senza sede sull´isola
M.P. 16 giugno 2018
Con il mese di giugno tutte le attività turistiche lavorano a pieno regime, ma nonostante tutte le raccomandazioni da parte degli Enti preposti, gli operatori di Ass.O.Asinara, che riunisce 42 attività economiche del Parco, rimangono ancora senza una sede logistica all´interno dell´Isola dell´Asinara
AssoAsinara ancora senza sede sull´isola


PORTO TORRES - Con il mese di giugno tutte le attività turistiche lavorano a pieno regime, ma nonostante tutte le raccomandazioni da parte degli Enti preposti, gli operatori di Ass.O.Asinara, che riunisce 42 attività economiche del Parco, rimangono ancora senza una sede logistica all'interno dell'Isola dell'Asinara. «E' passato ormai un anno da quando la richiesta è stata inoltrata alla Conservatoria delle coste- titolare del 90% degli immobili dell'Isola -, ma nonostante il parere positivo dell'Ente Parco e del Comune di Porto Torres, favorevoli a concedere un immobile ad uso logistico a Cala D'Oliva, la risposta da parte della Regione tarda ad arrivare».

Gli operatori impegnati durante tutto l'anno a garantire i servizi turistici sull'isola parco attendono una risposta sulla possibilità di ottenere degli spazi logistici per organizzare al meglio le attività di promozione.« A stagione inoltrata gli operatori si trovano a svolgere il loro lavoro senza possibilità di avere un appoggio che consenta di operare in maniera dignitosa, - sottolinea il presidente di AssoAsinara, Antonello Gadau - ricordando che il 90% degli operatori sono donne, e che l'alloggio verrebbe utilizzato senza scopo di lucro, ma semplicemente per avere un punto d'appoggio e poter evitare spesso viaggi e rientri in orari spesso proibitivi».

Le motivazioni della Conservatoria delle coste sono quelle di non aver approvato un regolamento sull'uso delle foresterie, e quindi di non poter cedere gli alloggi in maniera provvisoria. «Siamo dispiaciuti - lamentano - che le lungaggini burocratiche degli enti preposti finiscano sempre per coinvolgere il lavoro di chi si impegna tanto per promuovere quest'isola sotto l' aspetto naturalistico, culturale e sociale». Quello che spaventa gli operatori, al di là della mancanza di risposte, è che oltre ad AssoAsinara sono tante le associazioni che hanno fatto richiesta (vedi LIbera), «e tutti si vedranno negare questo diritto durante la stagione 2018, - conclude AssoAsinara - con buona pace dei propositi e degli eventi in programma per l'Estate».
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas