Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notiziesassariCulturaArcheologia › Il pozzo delle meraviglie: archeologia a Sassari
Red 2 giugno 2018
Domani sera, le sale del Museo archeologico ed etnografico “G.A.Sanna” ospiteranno una conferenza. Verranno al pubblico i primi e significativi risultati degli studi sui materiali faunistici di età medievale
Il pozzo delle meraviglie: archeologia a Sassari


SASSARI - Si terrà domani, domenica 3 giugno, alle 18, “Il pozzo delle meraviglie. Archeologia da Via Satta”, conferenza in programma nelle sale del Museo archeologico ed etnografico “G.A.Sanna” di Sassari, in Via Roma 64. Prevista la partecipazione di docenti dell'Università degli studi di Sassari.

Nell'occasione, saranno presentati al pubblico i primi e significativi risultati degli studi sui materiali faunistici di età medievale, che danno un quadro significativo della vita nella Sassari del Trecento, dall’alimentazione al rapporto con gli animali, alle condizioni igieniche, che attiravano in città una quantità di specie selvatiche. Di particolare interesse il lavoro dell'entomologo forense Stefano Vanin, docente dell’Università di Huddersfield (Gran Bretagna), che ha preso in esame i resti dei ditteri.

Proprio la grande quantità di insetti recuperati e l’incredibile stato di conservazione rendono questo pozzo un ritrovamento unico nel suo genere. Prevista l'illustrazione delle relazioni, oltre che di Vanin, dell'archeologa Laura Biccone, dell'archeozoologa dell'Università di Sassari Barbara Wilkens e dell'entomologa Sandra Cocco.
Commenti
18:39
In occasione della Giornata nazionale delle Famiglie al Museo, domenica 21 ottobre, a partire dalle 16, l´Antiquarium Turritano aprirà le sue porte a visitatori grandi e piccini, che saranno guidati alla scoperta dei rapporti commerciali che legavano la colonia di Turris Libisonis agli altri porti del Mediterraneo
18/10/2018
Si sono recentemente concluse, in località Punta del Francese al largo delle coste di Stintino, le indagini archeologiche subacquee sul carico di blocchi di marmo bianco di età romana imperiale giacente sul fondale marino a circa 18 metri di profondità
© 2000-2018 Mediatica sas