Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notiziesassariAmbienteArcheologia › Al Mut la riscoperta di Santa Filitica
A.S. 17 maggio 2018
La conferenza, dal titolo “Fra terra e mare: Santa Filitica e il Golfo dell´Asinara”, renderà conto delle nuove indagini sull´insediamento di Santa Filitica, a una manciata di chilometri da Sorso
Al Mut la riscoperta di Santa Filitica


SASSARI - Si affaccia sul mare, a una manciata di chilometri da Sorso. La sua è una storia lunghissima, che va dalla media età imperiale alla tarda epoca bizantina. L'insediamento di Santa Filitica è l'oggetto del prossimo appuntamento in programma al Museo della Tonnara di Stintino.

Sabato 19 maggio alle ore 18.30 Elisabetta Garau, ricercatrice del Dipartimento di Storia, Scienze dell'uomo e della Formazione dell'Università di Sassari, condurrà la platea alla scoperta delle ultime ricerche archeologiche. La conferenza, dal titolo “Fra terra e mare: Santa Filitica e il Golfo dell'Asinara”, renderà conto delle nuove indagini condotte dall'Università di Sassari in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro e con il Comune di Sorso, e dirette da Elisabetta Garau.

In continuità con gli scavi condotti dalla Soprintendenza, le ultime ricerche analizzano il rapporto del sito con il territorio del mare e con Turris Libisonis. E si concentrano, in particolar modo sull'estensione del villaggio bizantino, ad oggi parzialmente messo in luce.
Commenti
18:39
In occasione della Giornata nazionale delle Famiglie al Museo, domenica 21 ottobre, a partire dalle 16, l´Antiquarium Turritano aprirà le sue porte a visitatori grandi e piccini, che saranno guidati alla scoperta dei rapporti commerciali che legavano la colonia di Turris Libisonis agli altri porti del Mediterraneo
18/10/2018
Si sono recentemente concluse, in località Punta del Francese al largo delle coste di Stintino, le indagini archeologiche subacquee sul carico di blocchi di marmo bianco di età romana imperiale giacente sul fondale marino a circa 18 metri di profondità
© 2000-2018 Mediatica sas