Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notiziesardegnaPoliticaAmbiente › Protezione civile: nuovo radar da 2milioni di euro
Red 7 aprile 2018
Giovedì mattina, sarà presentato il nuovo radar del Sistema regionale di Protezione civile, che sostituisce quello installato a Monte Rasu negli Anni Novanta. Si tratta di uno strumento all´avanguardia in Italia
Protezione civile: nuovo radar da 2milioni di euro


CAGLIARI - Giovedì 12 aprile, sarà presentato il nuovo radar del Sistema regionale di Protezione civile, che sostituisce quello installato a Monte Rasu negli Anni Novanta. Lo strumento è stato realizzato dal Dipartimento Meteoclimatico dell'Arpa Sardegna e rappresenta la tecnologia più avanzata in Italia firmata da Selex Es, azienda tedesca leader mondiale nella realizzazione di radar meteorologici, del gruppo Leonardo (azienda globale ad alta tecnologia nei settori dell’aerospazio, difesa e sicurezza).

L’appuntamento con la stampa è alle 10.30, nel centro servizi di Conzas dell'agenzia Forestas, a Foresta Burgos (sulla Strada provinciale 43). Dopo la conferenza stampa, è prevista una visita al radar, a 1260metri sulla sommità di Monte Rasu.

Interverranno alla conferenza stampa l’assessore regionale con delega alla Protezione civile Donatella Spano, il direttore generale del Dipartimento Meteo di Sassari Giuseppe Bianco e, per il gruppo Leonardo Lorenzo D'Ambra. Inoltre, sarà presente il direttore regionale della Protezione civile Graziano Nudda.

Nella foto: l'assessore regionale Donatella Spano
Commenti
20/7/2018
I falchi potranno essere utilizzati per l’allontanamento volatili in tutti i luoghi pubblici o privati in qualsiasi periodo dell’anno. Lo ha deciso martedì la Giunta regionale, su proposta dell’assessore della Difesa dell’ambiente Donatella Spano
19/7/2018
In fondo, ogni bene pubblico necessità di costanti risorse per garantirne la salvaguardia, e se questi fondi non possono essere reperiti da introiti come suolo pubblico o parcheggi a pagamento, come nel caso dei bastioni, il biglietto d’ingresso diventa una delle poche strade percorribili
© 2000-2018 Mediatica sas