Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notiziealgheroSpettacoloTeatro › Teatro ad Alghero con Ell di Guido Sari
Red 9 marzo 2018
Venerdì 16 marzo, alle 17.30, nel salone dell´ex Seminario di Via Sassari, a cura dell’Università delle Tre Età di Alghero, verrà presentata la commedia di Guido Sari
Teatro ad Alghero con Ell di Guido Sari


ALGHERO - Venerdì 16 marzo, alle 17.30, nel salone dell'ex Seminario di Via Sassari, a cura dell’Università delle Tre Età di Alghero, verrà presentata “Ell”, la commedia di Guido Sari. Anche questa, così come altre commedie dello stesso autore, nasce da una visione critica della realtà ed è ambientata in un luogo indeterminato ed in un tempo non definito. Pertanto, in quanto utopica ed acronica, il pubblico può ambientarla nel tempo e nello spazio che vuole, vederla come prefigurazione di situazioni future o come metafora del presente.

La commedia ci parla di lobby finanziarie che aspirano al governo dell’intero pianeta e tanto potenti da decidere le politiche dei vari Stati, da scegliere ministri, capi di Stato e persino il Papa. Lobby che riescono, con l’aiuto dei mass media, a condizionare profondamente l’opinione pubblica per prevenire ogni eventuale opposizione. Però, i rappresentanti più autorevoli di questa ridotta élite che governa il mondo, riunitisi in un paesino per studiare nuove strategie, verranno scoperti da uno sconosciuto che minaccia di denunciarli pubblicamente, rivelando i loro nomi durante una manifestazione a cui parteciperanno autorità politiche di vari Paesi. Poiché amano vivere nell’ombra, i lobbisti cercheranno in tutti i modi di scoprire e tacitare lo sconosciuto, sia pagando un sicario, sia fissando una taglia per la sua cattura. Aiutato dalla figlia di uno dei lobbisti, il giovane non verrà ne ucciso, ne catturato e potrà il giorno della manifestazione, occupata la sala audio, rivolgere un discorso infervorato al pubblico per spingerlo a ribellarsi al potere delle lobby affaristiche. La reazione del pubblico, alla fine, sarà la vera chiave di lettura della commedia.

La commedia Ell, che segue la tradizione di scorrettezza delle commedie precedenti a causa della disinibita critica a stereotipi e luoghi comuni, ad atteggiamenti e pensieri indotti, a resti di ideologie già implose da anni, ai laici dogmi della contemporaneità proclamati con rigore radicale, potrebbe essere etichettata dagli ascoltatori, che si sentissero colpiti da essa, come prodotto di un’ideologia determinata, in genere quella che si disapprova e condanna, ma in tal modo il giudizio rivelerebbe solo l’incapacità di andare oltre posizioni manichee, dimostrerebbe che in fondo siamo portatori, più o meno consapevoli, di un pensiero fondamentalista che non sa porsi in discussione e che non accetta confronti dialettici. Sarebbe però un errore credere che la commedia aderisca ad una precisa ideologia storica. Ma non perché rifiuti l’ideologia, bensì perché attribuisce a quest’ultima un valore ed un significato che oggi pare perduto.

La sua è un’ideologia che rifiuta le ideologie che storicamente videro e vedono nell’uomo solo uno strumento e non il fine della politica, che fecero degenerare anche gli ideali di riscatto ed uguaglianza o che connotarono l’identità con velleità di predominio. La commedia è ideologica, perché vuole smascherare la simulazione delle ideologie funzionali alla conquista ed al mantenimento del potere, perché rifiuta l’imposizione di un pensiero unico, concettualmente debole e contradditorio, usato come autentico oppio dei popoli, che raddoppia o triplica la morale allontanando l’etica dalla politica. L’ideologia che proclama è quella del giudizio autonomo, dell’indipendenza nelle scelte, della libertà dai condizionamenti, del disprezzo per l’opportunismo che fa applaudire, come in uno stadio, tutto ciò che proviene dall’orientamento politico in cui si milita, o da cui si sperano foraggiamenti, anche quando si tratta di scelte che nulla hanno a che vedere con il bene collettivo. La manifestazione è organizzata da L’Associació per a la salvaguarda del patrimoni historicocultural de l’Alguer.

Nella foto: Guido Sari
Commenti

© 2000-2018 Mediatica sas