Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieportotorresAmbienteAmbiente › Tonnellate di carbone in mare: Ep presenta piano di rimozione
Mariangela Pala 3 marzo 2018
La società EP Fiume Santo proprietaria della centrale ha depositato il progetto per rimuovere gli 800 metri cubi di materiale fossile caduto in fondo al mare, durante le operazioni di carico e scarico dalla stiva della navi alle banchine compiute dalle gestioni precedenti
Tonnellate di carbone in mare: Ep presenta piano di rimozione


PORTO TORRES - Pronto un progetto di rimozione del carbone depositato nei fondali del molo di attracco delle navi carboniere all’interno del porto industriale di Porto Torres. La società EP Fiume Santo proprietaria della centrale ha depositato il progetto per rimuovere gli 800 metri cubi di materiale fossile caduto in fondo al mare, durante le operazioni di carico e scarico dalla stiva della navi alle banchine compiute dalle gestioni precedenti.

Il progetto era stato richiesto dal ministero dell’Ambiente in accordo con Capitaneria di porto, Arpas, Ispra, Regione, Provincia di Sassari e i comuni di Porto Torres e Sassari, in occasione della riunione del 1 febbraio a Roma. Le operazioni avranno inizio con le indagini preliminari per la delimitazione dell’area con presenza di carbone, con un preciso cronoprogramma in cui saranno indicate le tempistiche di realizzazione di intervento.

Per la rimozione dei sedimenti dal fondale sarà impiegato un sistema di aspirazione gestito e manovrato manualmente da camion dotato di gru sulla quale verrà installata la pompa di aspirazione e una videocamera subacquea a circuito chiuso che consentirà all’operatore di manovrare il braccio. Un sistema richiesto dal comandante della Capitaneria di porto, Emilio Del Santo per evitare ulteriore dispersione delle polveri del carbone nei fondali e nell'aria. Il carbone rimosso, filtrato e verificato - come ha chiesto l’Arpas - sarà trasportato al carbonile della centrale di Fiume Santo all’interno degli stessi carrabili coperti con telone. Il percorso per il trasporto avverrà tutto all’interno delle strade di proprietà della società Syndial e della stessa centrale per essere utilizzato come combustibile.
Commenti
13/12/2018
Gli studenti delle scuole elementari e medie di Stintino sono stati i veri protagonisti della giornata di educazione ambientale “Say no to plastic pollution”, organizzata al Mut dal Comune di Stintino in collaborazione con il Parco nazionale dell´Asinara
© 2000-2018 Mediatica sas