Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notiziesardegnaPoliticaRegione › Open Data: contest della Regione
Red 11 dicembre 2017
La Regione autonoma della Sardegna ha promosso un contest rivolto a cittadini, mondo della scuola e dell´università. «Vogliamo far crescere la cultura dei dati aperti», ha spiegato l´assessore regionale degli Affari generali Filippo Spanu
Open Data: contest della Regione


CAGLIARI – Si chiama “Contest Open Data Sardegna”. E' un concorso promosso dalla Regione autonoma della Sardegna, attraverso l'Assessorato degli Affari generali, in collaborazione con Formez Pa, nell'ambito del progetto “OpenRas: dati aperti per la trasparenza e l'accountability”. L'iniziativa è rivolta a cittadini singoli o associati, scuole, università ed imprese dell'Unione europea, con l'intento di favorire lo sviluppo di servizi innovativi, basati sui dati esposti in formato aperto sul portale Open data e valorizzare il patrimonio informativo pubblico.

Il Contest Open Data Sardegna vuole dare visibilità ed il meritato riconoscimento alle più interessanti proposte di riuso dei dataset esposti dalla Regione sul suo portale in una delle categorie: Applicazioni, utilizzabili da smartphone, tablet o desktop in grado di offrire un servizio utile ai cittadini, studenti ed imprese, ma anche alla stessa amministrazione regionale; rappresentazioni visuali dei dati, in grado di offrire una lettura facilitata dei dati stessi (infografica); articoli di Data driven journalism, elaborati di taglio giornalistico, a partire dai dati pubblicati nel catalogo Open Data della Regione Sardegna utilizzati anche in integrazione con altre fonti; dati geografici, applicazioni per la rappresentazione di dati geo-riferiti, a partire da quelli pubblicati nel catalogo Open Data della Regione Sardegna.

«La Giunta - dichiara l'assessore regionale degli Affari generali Filippo Spanu - considera il rafforzamento del sistema dei dati aperti un passaggio fondamentale per far crescere i livelli di trasparenza della Pubblica amministrazione. Il nostro sistema, con un portale che acquista contorni sempre più definiti, è a disposizione di tutti e non solo di una ristretta cerchia di specialisti Siamo di fronte a uno strumento dalle grandi potenzialità che apre la strada a nuove sfide per molti giovani sardi che in questo ambito possono trovare nuove opportunità di lavoro. Il progetto OpendataRas, voluto e sostenuto dalla Giunta, si inserisce in un percorso che rende i cittadini più informati e consapevoli e migliora la qualità dei servizi con il supporto delle piu' recenti innovazioni tecnologiche. Il Contest è un modo per promuovere la conoscenza degli open data della Regione e per valorizzarli in modo dinamico con il contributo dei cittadini, del mondo della scuole e dell'università».

Le proposte di riuso dei dataset devono essere presentate entro domenica 21 gennaio 2018. È prevista l’assegnazione di un premio per i vincitori di ciascuna delle quattro categorie. In palio tablet e kit per robotica. Scuole ed università concorrono in una categoria dedicata. Una giuria composta da esperti qualificati valuterà le proposte candidate con l’obiettivo di premiare quelle che meglio rispondono alle finalità del contest. Per ciascuna delle categorie di concorso verrà stilata una graduatoria. L'invio della proposta di utilizzo dei dataset deve avvenire, attraverso il modulo presente sul sito Formez. L’annuncio delle proposte vincitrici verrà fatto in occasione dell’evento conclusivo del progetto “OpenRas: dati aperti per la trasparenza e l'accountability”, che si terrà nel febbraio 2018. Tutti i cittadini interessati al tema del riuso dei dati aperti possono approfondire i contenuti del Contest Open Data Sardegna attraverso un ciclo di seminari online (webinar). Il prossimo appuntamento è in programma il mercoledì 13 dicembre.

Nella foto: l'assessore regionale Filippo Spanu
Commenti
21:04
«Il regionalismo differenziato è altra cosa rispetto alla specialità. Pieno impegno da parte delle Regioni a Statuto speciale a contribuire alla riduzione del deficit dello Stato ma rifiuto ad ogni imposizione non concordata in tema dell’entità degli accantonamenti». Questo il fulcro della dichiarazione del presidente del Consiglio regionale, in visita a Roma per incontrare il ministro per gli Affari regionali
20/7/2018
«Indispensabile unire le forze e chiudere il progetto entro l´anno», ha dichiarato l´assessore regionale della Programmazione Raffaele Paci, in materia di Zone interne e spopolamento
20/7/2018
L´Are è la più grande rete indipendente di regioni in tutta l´Europa, che rappresenta 150 territori, con più di 270 componenti appartenenti a 33 Paesi e 16 organizzazioni interregionali. «Nuove opportunità di scambio ed esperienze», sottolinea il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru
© 2000-2018 Mediatica sas