Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notiziealgheroPoliticaAmministrazione › Di Gangi ammicca Daga (Pd)
S.O. 13 settembre 2017
Così Marco Di Gangi, presidente di Azione Alghero e vice coordinatore regionale di Energie per l’Italia, all´indomani del Consiglio comunale che ha votato favorevolmente il Rendiconto di gestione 2016
Di Gangi ammicca Daga (Pd)


ALGHERO - «Il voto favorevole del consigliere Nasone non è stato l'unico elemento determinante: infatti, se il consigliere Mimmo Pirisi fosse rimasto in aula e avesse votato contro il documento contabile, il bilancio non sarebbe passato e l'esperienza di sindaco di Mario Bruno terminata. Ora, poiché non bisogna mai dare niente per scontato, sarebbe utile cercare di capire fino in fondo quanto è successo. I casi sono due, o il consigliere Pirisi ha interpretato alla lettera le indicazioni del partito capendo che per prendere le distanze dal bilancio dovesse allontanarsi fisicamente dall'aula consiliare, oppure allontanandosi volontariamente e scientemente, consapevole dei numeri in campo e dell'importanza fondamentale del suo voto negativo, nell'ipotesi lo avesse espresso, ha disatteso le indicazioni del suo partito salvando di fatto l'Amministrazione Bruno dalla fine prematura».

Così Marco Di Gangi, presidente di Azione Alghero, vice coordinatore regionale di Energie per l’Italia, all'indomani del Consiglio comunale che ha votato favorevolmente il Rendiconto di gestione 2016 [GUARDA LE IMMAGINI INTEGRALI DELLA SEDUTA], col sostegno del consigliere Nasone e la spaccatura del Partito democratico, a cui Di Gangi si rivolge direttamente.

«Se fosse vera questa seconda ipotesi, che pare la più attendibile, nasce spontanea una domanda: la scelta del consigliere Mimmo Pirisi di consentire l'approvazione del bilancio e salvare Bruno, in apparente distonia rispetto alle indicazioni del Pd, è una posizione personale, magari assunta d'intesa con la sola componente soriana del partito o è la posizione dell'intero Pd algherese? Il voto contrario del collega Daga, che evidentemente ha interpretato più rigorosamente le indicazioni del partito, pare rafforzare questa ipotesi. Credo che il Pd cittadino – insiste il presidente di Azione Alghero - magari attraverso i propri organi dirigenti, senza necessariamente dover attendere il congresso cittadino, dovrebbe fare chiarezza e rispondere in modo chiaro e inequivoco a questo interrogativo che probabilmente anche molti suoi iscritti si sono posti. Questo chiarimento sarebbe assai utile per stabilire definitivamente se il Pd algherese sarà la stampella o meno che consentirà a Mario Bruno di portare a termine il suo mandato o, in caso contrario, un potenziale interlocutore con gli altri partiti dell'opposizione nella messa a punto di una alternativa per il governo di Alghero».

Nella foto: Di Gangi (a sinistra), con l'ex assessore della giunta Tedde, Michele Pais
Commenti
20/6/2018
Con l´approvazione a maggioranza durante la seduta di ieri, il Consiglio comunale ha deliberato non solo di entrare nel Consiglio direttivo della Fondazione, ma anche di prevedere azioni ed interventi futuri a sostegno delle attività di ricerca, promozione e conservazione della cultura sarda a cura del Centro studi istituito dalla Fondazione, attività che l’Amministrazione si impegna a programmare per l’annualità 2018
21/6/2018
Continua il programma di assunzioni con ulteriori immissioni nella pianta organica a continuazione del programma che nel 2017 ha consentito l´assunzione a tempo indeterminato di ventisette persone. Altri ventitre ingressi in organico sono in programma per il 2018: entro luglio tutte le procedure saranno chiuse
19:22
Si ricercano figure professionali di categoria B, C e D1 provenienti da altri enti. Sono dodici le posizioni da ricoprire che verranno ricercate attraverso la mobilità volontaria esterna da altri enti
11:16
Così i due consiglieri comunale algheresi del Movimento 5 Stelle, Roberto Ferrara e Graziano Porcu, che accusano l´Amministrazione comunale nel proseguire con le stesse modalità poco limpide nella scelta degli avvocati adottate in passato
© 2000-2018 Mediatica sas