Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notiziesassariSpettacoloDanza › A Sassari, l’arte coreutica di Salvo Lombardo
Red 11 settembre 2017
Questa sera, a Palazzo di Città, va in scena “Present continuous”, il nuovo appuntamento della kermesse “Corpi in movimento–Le piazze che danzano”
A Sassari, l’arte coreutica di Salvo Lombardo


SASSARI – Oggi (lunedì), a Palazzo di Città, a Sassari, arriva “Present continuous”, lo spettacolo di danza nel quale il talentuoso coreografo Salvo Lombardo ha concretizzato il culmine della sua indagine sul rapporto tra memoria, percezione e movimento nell’osservazione del reale. A partire dalle ore 21, il nuovo appuntamento della kermesse “Corpi in movimento–Le piazze che danzano”, diretta da Lucia Cau, ospita un personaggio che è anche performer e regista, noto per aver approfondito i collegamenti tra danza, teatro ed arti visive, collaborando con numerosi artisti del panorama italiano ed internazionale.

Lombardo ha realizzato “Present continuous” per il Festival Oriente occidente (del quale è artista associato), in coproduzione con Versiliadanza. Per lo stesso Festival, ha ideato la video-installazione “Reappearances”, concepita per il Museo Mart di Rovereto, con il coinvolgimento della comunità locale. I suoi lavori sono ospitati in molti festival e teatri in Italia ed all’estero. È stato coreografo ospite nella compagnia Aura dance theatre di Kaunas (Lituania) per la quale ha realizzato “Twister”, in coproduzione con il Festival Fabbrica Europa, mentre nel 2015 è stato cofondatore e regista di Clinica Mammut e coreografo ad Anghiari dance hub, dove ha creato “Casual Bystanders”.

Lo spettacolo di questa sera, presentato in collaborazione con il gruppo di lavoro Chiasma, rappresenta una serata in un music club dove i danzatori osservano ed incamerano un sistema di posture fatto di atti motori e modalità relazionali. La scrittura coreografica manifesta una natura “derivativa”, che affonda a tratti nel ready made gestuale, mentre lo sviluppo della narrazione si basa sulla negoziazione del ricordo attraverso uno sharing di sequenze motorie imitabili. Il pretesto cinetico si basa sulla memoria condivisa di una stessa esperienza che, a partire dall’istantaneità dell’accadimento scenico, supera l’adesso nella progressione di un tempo in divenire. Il prossimo appuntamento della kermesse a Palazzo di Città sarà mercoledì 13 settembre, con “Reflect” dell’Albanian dance theater company, in cui Akreoma Saliu & Fjorald Doci rendono pubbliche (attraverso una performance artistica guidata dalla coreografia di Gjergji Prevazi) esperienze forti della loro infanzia molto diverse tra loro.

(Foto Carolina Farina)
Commenti
© 2000-2017 Mediatica sas