Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notiziesassariAmbienteAgricoltura › Nurra: ecco le colture irrigabili
Red 2 settembre 2017
A causa del forte stato di siccità che quest’anno ha interessato il territorio ed in particolare il sistema dei bacini di approvvigionamento idrico Temo-Cuga-Bidighinuzu, ed a causa delle forti limitazioni deliberate dal Comitato istituzionale dell’Autorità di bacinorRegionale sull’utilizzo dell’acqua a scopo irriguo, come stabilito nei provvedimenti consortili, la stagione irrigua 2017 si è conclusa giovedì
Nurra: ecco le colture irrigabili


SASSARI - A causa del forte stato di siccità che quest’anno ha interessato il territorio della Nurra ed in particolare il sistema dei bacini di approvvigionamento idrico Temo-Cuga-Bidighinuzu, ed a causa delle forti limitazioni deliberate dal Comitato istituzionale dell’Autorità di bacino regionale sull’utilizzo dell’acqua a scopo irriguo, come stabilito nei provvedimenti consortili, la stagione irrigua 2017 si è conclusa giovedì. Questa disposizione si è resa obbligatoria nonostante l’utilizzo di fonti straordinarie di approvvigionamento irriguo quali pozzi, bacini di raccolta e reflui affinati.

Infatti, le risorse idriche ridotte e le temperatura così elevate non garantivano una continuità nella distribuzione irrigua, soprattutto in zone idraulicamente svantaggiate. Per utilizzare le risorse idriche ancora disponibili e con l’obiettivo di tutelare, almeno in parte, la produzione agricola della Nurra, in attuazione della delibera del Consiglio di amministrazione, il Consorzio di bonifica della Nurra ha individuato un’eccezione per alcuni tipi di colture ed a vantaggio delle aziende già autorizzate: carciofo; carciofo a goccia; prati monofiti e polifiti; colture protette; erbai autunno vernini; officinali; ortive a goccia; olivo di nuovo impianto.

É vietata la prosecuzione dell’irrigazione di tutte le altre colture. Il personale del Consorzio di Bonifica effettuerà quotidianamente i controlli per verificare il rispetto di questa disposizione e potrà chiudere interi tratti di condotta o singole utenze non più autorizzate applicando le sanzioni previste dal regolamento irriguo in caso di eventuali trasgressioni. Le presenti limitazioni potranno essere modificate o annullate a seguito di mutate condizioni di accumulo nei bacini o a seguito di utilizzo di ulteriori apporti nel sistema irriguo.
Commenti
21/9/2017
Oltre 150 allevatori, soprattutto del comparto bovino da carne, hanno affollato l’aula consiliare del Comune di Sant’Antonio di Gallura dove si è parlato del futuro del mondo delle campagne nel nord Sardegna. «Dopo i 47milioni per l´ovicaprino, troveremo altri 20milioni per il comparto bovino e agricolo. La Regione non lascia indietro nessuno», dichiara l´assessore regionale dell´Agricoltura
© 2000-2017 Mediatica sas