Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieoristanoSpettacoloTeatro › Cala il sipario sui Percorsi teatrali
Red 14 agosto 2017
Si è conclusa la nona edizione del festival organizzato dal Teatro del Segno, con il patrocinio ed il sostegno della Regione autonoma della Sardegna e del Comune di Santu Lussurgiu
Cala il sipario sui Percorsi teatrali


SANTU LUSSURGIU - Si è chiuso il sipario sul nono festival Percorsi teatrali, organizzato dal Teatro del Segno, con il patrocinio ed il sostegno della Regione autonoma della Sardegna e del Comune di Santu Lussurgiu. Positivo il bilancio delle cinque intense giornate di laboratori e spettacoli, tra clowneries e numeri circensi, il fascino della commedia dell'arte ed il gusto dolceamaro dell'ironia, senza dimenticare l'incanto di una moderna fiaba sull'amicizia e le inedite pièces di Teatro da Balcone.

«Questa nona avventura è stata un dono - sottolinea il direttore artistico della kermesse, l'attore e regista Stefano Ledda, al termine della manifestazione che ha animato il centro storico, i giardini e le piazze di Santu Lussurgiu dai primi giorni di agosto - grazie a tutti coloro che l'hanno resa possibile, agli artisti e ai docenti che hanno partecipato, agli attori, danzatori e musicisti e ai tecnici che hanno lavorato con tanta cura facendo accadere e risplendere la magia del teatro. Un ringraziamento speciale - prosegue Ledda – va agli abitanti di Santu Lussurgiu e agli spettatori, ai proprietari delle case che ci hanno ospitato e a quelli che ci hanno donato per qualche minuto le cornici delle finestre e le terrazze, permettendo la realizzazione della sesta edizione di Teatro da Balcone. Grazie all'Amministrazione comunale che ci ha sostenuto e si è impegnata per aiutarci a risolvere tutti le questioni logistiche. e gli imprevisti che non sono mancati», come nella migliore tradizione dello spettacolo dal vivo, ma in fondo è proprio dalle difficoltà che scaturisce la forza di andare avanti, «anche quando vorresti fermarti: grazie ai miei genitori che mi hanno insegnato che devi fare comunque il tuo dovere e fare ciò in cui credi».

Passione e determinazione sono le chiavi di volta di Percorsi Teatrali (ispirato al “paese nel vulcano” incastonato nello scenario suggestivo del Montiferru, al fascino delle case di pietra e delle ripide strade, dei riti e delle feste, dalla vertiginosa corsa de Sa Carrela 'e Nanti al risuonare dei canti sacri e profani), insieme allo spirito di accoglienza ed al senso di comunità che si sposano al progetto dell'ospitalità diffusa, come forma di turismo sostenibile e valorizzazione di uno dei più ammirati borghi autentici d'Italia. Tra la meraviglia e le fantasiose invenzioni del coinvolgente “Hope! Hope! Hoplà!!!” de I Nipoti di Bernardone (i clowns Pasquale Imperiale e Vincenzo De Rosa), le avventure di“Pulcinella al Confino in Sardegna”, per la regia di Rita Atzeri, l'autoironia di Senza fiato. Una risata vi seppellirà. A me la fibrosi cistica. (Forse)”, di e con Pierpaolo Baingiu, e la poesia de “La Freccia azzurra”, dal libro di Gianni Rodari, spazio gli intriganti itinerari di Teatro da Balcone (quasi un festival nel festival) con le brevi performances che “sbocciano” a sorpresa tra architravi, terrazze e cortili nel centro storico di Santu Lussurgiu.

Nel programma del festival, anche una Scuola di Arti sceniche, con corsi e stages rivolti ad artisti ed allievi, come “AttrAzioni Urbane” a cura di Anna Da Pozzo ed Antonella Moretti (sullaContact improvisation e la composizione istantanea di partiture danzate) ed il laboratorio di “ImprovvisAzione teatrale” diretto da Fabio Maccioni (Teatribu), accanto ad “Il viaggio”, dedicato ai più piccoli con l'attrice e conduttrice di trasmissioni per bambini Annabella Di Costanzo (vincitrice del Premio Eti- Scenario insieme ad Elena Lolli con “Alma Rosé”). Chiuso (tra gli applausi) il sipario della nona edizione, si pensa già al cartellone del decimo Festival Percorsi teatrali a Santu Lussurgiu (per l'estate 2018) ed agli appuntamenti futuri delTeatro del Segno nell'Isola (con una nuova stagione di “Teatro Senza quartiere” al Ts'E/Teatro Sant'Eusebio di Is Mirrionis di Cagliari, e poi concerti e rassegne in vari città e paesi della Sardegna), in cui non mancheranno “risonanze” ed incursioni ispirate ai Percorsi teatrali 2017.
Commenti
23/11/2017
"L’amante" approda a Porto Torres in occasione del XXVIII Festival etnia e teatralità, la rassegna curata dalla Compagnia teatro Sassari. L’appuntamento è per sabato 25 novembre alle ore 21, al teatro comunale Andrea Parodi.
© 2000-2017 Mediatica sas