Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notiziesassariSaluteSanitàAou, adottato l´atto aziendale
S.O. 11 agosto 2017
Il documento è stato deliberato questa mattina e inviato in Regione. Tra le novità il Coordinamento codice rosa e vittime di violenza. Spetta adesso agli uffici di via Roma a Cagliari, nel termine dei 30 giorni, la verifica di congruità dell´atto alle linee guida e, quindi, l´approvazione finale
Aou, adottato l´atto aziendale


L'Azienda ospedaliero universitaria di Sassari adotta l'atto aziendale. Questa mattina, dopo l'intesa con il rettore dell'Università degli studi di Sassari Massimo Cerpinelli, il direttore generale Antonio D'Urso ha approvato il documento organizzativo dell'azienda con la delibera numero 473 che è stata inviata in Regione. Spetta adesso agli uffici di via Roma a Cagliari, nel termine dei 30 giorni, la verifica di congruità dell'atto alle linee guida e, quindi, l'approvazione finale.

La versione dell'atto aziendale adottata oggi porta con sé alcune novità rispetto alla prima proposta, presentata nei giorni scorsi dalla direzione strategica ai direttori delle strutture e ai sindacati. Novità che tengono conto delle osservazioni, oltre sessanta quelle pervenute, che proprio i direttori e i dirigenti, i sindacati medici e quelli del comparto, nei termini fissati, hanno inviato ai direttori dell'Aou. Si avvia, così, verso l'iter finale il primo atto aziendale dell'Aou che, a dieci anni dalla sua nascita, darà gli assetti organizzative dell'azienda di viale San Pietro.

Nell'ultima riunione di presentazione dell'atto aziendale, intanto, la direzione generale ha incassato anche il parere positivo dell'organo di indirizzo, formato dal preside della Facoltà di Medicina Giuseppe Passiu che lo presiede e dai componenti Antonio Succu, Marcello Tidore e Francesco Sanna. L'organo ha riconosciuto che il documento organizzativo dell'azienda di viale San Pietro integra pienamente le tre funzioni della mission: la didattica, la ricerca e l'assistenza.


La versione deliberata questa mattina, intanto, porta da 13 a 12 il numero dei dipartimenti, con la previsione di 10 dipartimenti dell'assistenza integrata rispetto agli 11 progettati in precedenza. Tra le novità di assoluto rilievo quella prevista nel dipartimento Tutela delle Fragilità dove sono inserite le strutture complesse di Neuropsichiatria infantile, Psichiatria, Psicologia ospedaliera e benessere organizzativo e il servizio psichiatrico di diagnosi e cura che, in ragione degli indirizzi e delle direttive regionali, transiterà all'Ats. La novità è rappresetata dalla creazione della struttura semplice dipartimentale di Coordinamento codice rosa e vittime di violenza che potrà trovare spazio all'interno del pronto soccorso.

«Ho colto il suggerimento arrivato con una osservazione – afferma il direttore generale Antonio D'Urso – e basandomi sull'esperienza operativa avuta sul campo quando, da direttore sanitario, all'azienda sanitaria di Lucca nel 2012 attivammo la sperimentazione del Codice rosa, con risultati straodinari. Siamo convinti che anche qui potranno aversi risultati importanti, facendo affidamento sulla stretta sinergia tra Comune e centri antiviolenza quindi con la procura della Repubblica».

L'obiettivo della struttura, in linea generale, è quello di favorire il riconoscimento precoce dei casi di violenza quindi assicurare efficaci percorsi dedicati. Si dovrà puntare quindi a coordinare e mettere in rete le diverse istituzioni e competenze, per dare una risposta efficace già dal momento in cui la vittima arriva al pronto soccorso. Sarà importante, poi, la sinergia tra istituzioni e strutture sanitarie perché, oltre alle cure erogate al pronto soccorso, venga avviata la presa in carico territoriale successiva, sulla base della valutazione delle esigenze di tutela e protezione delle vittime attraverso l'attivazione di percorsi che rispondano alle loro esigenze.

Le altre novità vedono il dipartimento dell'Emergenza urgenza con due strutture complesse di Rianimazione, la Lungodegenza passa dal dipartimento delle Specialità mediche a quello Medico. Nel dipartimento di Tutela della salute della donna e del bambino vengono previsti il pronto soccorso di Ostetricia e ginecologia con l'Obi (osservazione breve intensiva) quindi il pronto soccorso pediatrico con l'Obi. Confermato poi il coordinamento della Breast unit all'interno del dipartimento encoematologico.
Commenti
22/9/2017
Maggiori controlli. All´Aou di Sassari, un ambulatorio per la disassuefazione: è attivo nella clinica di Pneumologia e segue i pazienti con visite e sedute di gruppo
23/9/2017
Decisiva la mediazione del segretario regionale Cucca e l´apertura a lievi modifiche della Giunta regionale. Sindaci soddisfatti: la riforma può approdare tra i banchi del Consiglio regionale. Il 29 riunione con tutti i sindaci Dem dell´Isola
© 2000-2017 Mediatica sas