Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaEconomiaLavoro › Ncc e taxi: nell’Isola settori in crescita
A.B. 26 marzo 2016
Ci si deve però guardare dall´abusivismo e dalla concorrenza sleale. Confartigianato Sardegna chiama a raccolta le imprese. Se ne discuterà a Olbia in un seminario pubblico regionale
Ncc e taxi: nell’Isola settori in crescita


OLBIA - Sono 278 in Sardegna le imprese di trasporto persone che effettuano il servizio mediante noleggio di autovettura con conducente, e che danno lavoro a più di 500 addetti. L’80percento di queste (ben 225 aziende), sono artigiane. Un settore in pieno sviluppo, quello degli Ncc isolani, che tra il 2014 e 2015 ha registrato una crescita delle imprese artigiane del +3,7percento, passando da 214 a 225 unità. Il territorio con più imprese del settore è quello del nord Sardegna (Sassari e Olbia) con 95 imprese, segue Cagliari con 87, Nuoro con 29 e Oristano con 14. Gli Ncc, tecnicamente “trasporto privato non di linea”, è un servizio di prenotazione e noleggio di minivan e auto con autista, che parte da una rimessa privata, si utilizza solitamente per tratte extraurbane, aeroportuali, con disposizioni orarie e servizi di rappresentanza. La tariffa viene concordata al momento della prenotazione, che nel servizio del noleggio con conducente è obbligatoria e viene effettuata telefonicamente o con una e-mail. Insieme ai taxi, con i loro mezzi, in Sardegna, ogni giorno dell’anno, con ogni condizione climatica, ad ogni ora, garantiscono i collegamenti da e verso qualunque punto; città, paesi, porti, aeroporti, stazioni, ospedali, scuole o abitazioni private.

Ma il comparto “ribolle” di problematiche, soprattutto a causa delle numerose forme consoliate di elusione delle normative di settore, che stanno seriamente mettendo a rischio la permanenza sul mercato delle imprese in regola. In ogni parte dell’Isola, stazionano migliaia di veicoli di proprietà di varie società di noleggio senza conducente che, soprattutto nel periodo estivo, vengono utilizzati non solo per questa attività, ma anche impropriamente come noleggio con conducente, incrementando la concorrenza sleale. Le forme elusive sono legate all’esercizio abusivo della professione da parte di soggetti non in possesso di requisiti adeguati allo svolgimento dell’attività, totalmente in nero od operanti attraverso l’utilizzo di forme di esercizio dell’attività che, di fatto, costituiscono una concorrenza sleale e irregolare; utilizzo di veicoli non idonei, personale non qualificato e non iscritto all’albo, mancato rispetto delle norme contrattuali, sulla sicurezza sul lavoro e non sottoposto ai controlli relativi alla sorveglianza sanitaria necessaria per la conduzione di veicoli adibiti al trasporto in conto terzi.

«Come sappiamo, il noleggio con conducente e il taxi sono servizi pubblico di qualità indispensabile alla mobilità della Sardegna – sottolinea il vicepresidente Nazionale di Confartigianato Trasporti Giovanni Antonio Mellino – perché il trasporto delle persone nell’Isola è da sempre una delle questioni più complesse, con forti ricadute sulla vita e sull’economia isolana. Però, più si va avanti, più gli operatori regolari si trovano a combattere, senza adeguati armi, una sleale concorrenza contro gli abusivi e gli irregolari – continua Mellino - e si trovano a vivere un pesante inasprimento anche delle contrapposizioni personali, in particolare nei momenti di incontro al carico e scarico della clientela, che più volte hanno rischiato di sfociare in situazioni di particolare tensione e in comportamenti che potrebbero compromettere l’ordine pubblico. Anche per questo c’è necessità che la categoria viaggi unita per fare fronte comune contro crisi e abusivismo». Di tutto questo si discuterà mercoledì 30 marzo, con inizio alle ore 17, nella sala convegni della Camera di Commercio di Olbia, durante un seminario pubblico regionale organizzato da Confartigianato Sardegna dal titolo “Noleggio con conducente, ruolo ed evoluzione del trasporto persone: dalle problematiche del settore alle proposte di intervento nazionale e regionale”.

Sarà un momento nel quale imprese ed esperti si confronteranno sulle problematiche e sull’evoluzione del settore per ragionare sulle ormai consolidate forme di elusione delle normative e per proporre soluzioni. I lavori verranno aperti dal presidente Confartigianato Imprese Sardegna Maria Carmela Folchetti e dal presidente Confartigianato Imprese Gallura Giacomo Meloni. Con il coordinamento del segretario Confartigianato Imprese Gallura Federico Fadda, si susseguiranno gli interventi del segretario Confartigianato Imprese Sardegna Stefano Mameli, (“Il perché dell’incontro e i numeri delle imprese di Ncc in Sardegna”), del presidente Associazione Ncc Confartigianato Gallura Gianpaolo Occhioni (“Problematiche del settore sul territorio: l’abusivismo degli operatori non professionali”), il funzionario Confartigianato Imprese Como Giuseppe Pugliesi (“Uso dei veicoli propri da parte delle strutture turistiche, nuove tecnologie ed autonoleggio con conducente: quali prospettive ed opportunità?”). Subito dopo, spazio agli interventi degli operatori Ncc e Taxi della Sardegna. Chiuderà i lavori la relazione di Giovanni Antonio Mellino. Per l’occasione, su Twitter è stato creato l’apposito hastag #nccsardegna che potrà essere usato per porre domande e per interagire.
Commenti
© 2000-2016 Mediatica sas