Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaCronacaCronaca › Sequestro di polpa di ricci ed arselle ad Olbia
A.B. 23 marzo 2016
Nei tre ristoranti controllati oggi dai militari della locale Capitaneria di Porto, sono stati trovati 1,6chilogrammi di polpa di riccio ed 1,7chilogrammi di arselle di provenienza illecita
Sequestro di polpa di ricci ed arselle ad Olbia


OLBIA - Nel corso della normale attività di controllo lungo la filiera della pesca, questa mattina (mercoledì), i militari dalla Capitaneria di Porto di Olbia hanno concentrato la propria attenzione sugli esercizi di ristorazione della zona sud della città. Il risultato è stato quanto mai clamoroso: nel 100percento dei casi (tre ristoranti su tre) è stata trovata polpa di riccio frutto di pesca illegale e, pertanto, non tracciata ne tracciabile, secondo le normative in vigore, per un totale di 1,6chilogrammi.

In uno degli esercizi è stato trovato anche oltre 1,7chilogrammi di arselle, viziate dalla stessa illecita provenienza. E’ così scatta la verbalizzazione a carico dei titolari degli esercizi, per un totale di 4500euro, con relativo sequestro, la cui convalida, è stata richiesta al Comune, competente ad irrogare le sanzioni in materia di tracciabilità. Com’è noto, il riccio di mare è prodotto alquanto ricercato sul mercato e, in particolare nei periodi prossimi alle principali festività, diviene oggetto di una pesca intensa quando non dissennata. Peraltro, il suo “confezionamento” e la sua conservazione, spesso sono alquanto discutibili e certamente non in grado di garantire commestibilità e genuinità del prodotto.

Senza contare il danno procurato ai pescatori professionisti in regola, che dalla sleale concorrenza ad opera degli “abusivi” ricevono un evidente danno. L’attività che le Capitaneria di Porto e le Autorità di polizia e sanitarie svolgono al riguardo della pesca illegale è incessante e dove non sia possibile risalire agli autori materiali della pesca illecita, non resta che sanzionare gli acquirenti ed i detentori. Con importi che, stabiliti per legge, come si vede possono arrivare ad essere di rilevante entità.
Commenti
24/6/2017
«Ieri pomeriggio intorno alle 14.30, si è reso necessario l’invio d’urgenza di un detenuto di nazionalità italiana presso il vicino pronto soccorso per aver ingerito plexiglass tanto che una volta giunti in ospedale è stato necessario che lo stesso venisse sottoposto ad intervento chirurgico», denuncia il segretario generale aggiunto dell’Osapp Domenico Nicotra
23/6/2017
Inchiesta clamorosamente ridimensionata. Revocate le misure cautelari nei confronti di Antonello Usai, Giansalvo Mulas e Giancarlo Chessa. Annullate quelle di Antonello Cuccureddu ed Efisio Balbina. Accolte tutte le richieste dei legali
23/6/2017
Mercoledì pomeriggio, gli agenti del Commissariato di Pubblica sicurezza di Tortolì sono intervenuti per un litigio tra due uomini fra due africani e due 21enni ogliastrini, residenti a Tortolì ed a Villagrande
© 2000-2017 Mediatica sas