Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaCronacaCronaca › Sequestro di polpa di ricci ed arselle ad Olbia
A.B. 23 marzo 2016
Nei tre ristoranti controllati oggi dai militari della locale Capitaneria di Porto, sono stati trovati 1,6chilogrammi di polpa di riccio ed 1,7chilogrammi di arselle di provenienza illecita
Sequestro di polpa di ricci ed arselle ad Olbia


OLBIA - Nel corso della normale attività di controllo lungo la filiera della pesca, questa mattina (mercoledì), i militari dalla Capitaneria di Porto di Olbia hanno concentrato la propria attenzione sugli esercizi di ristorazione della zona sud della città. Il risultato è stato quanto mai clamoroso: nel 100percento dei casi (tre ristoranti su tre) è stata trovata polpa di riccio frutto di pesca illegale e, pertanto, non tracciata ne tracciabile, secondo le normative in vigore, per un totale di 1,6chilogrammi.

In uno degli esercizi è stato trovato anche oltre 1,7chilogrammi di arselle, viziate dalla stessa illecita provenienza. E’ così scatta la verbalizzazione a carico dei titolari degli esercizi, per un totale di 4500euro, con relativo sequestro, la cui convalida, è stata richiesta al Comune, competente ad irrogare le sanzioni in materia di tracciabilità. Com’è noto, il riccio di mare è prodotto alquanto ricercato sul mercato e, in particolare nei periodi prossimi alle principali festività, diviene oggetto di una pesca intensa quando non dissennata. Peraltro, il suo “confezionamento” e la sua conservazione, spesso sono alquanto discutibili e certamente non in grado di garantire commestibilità e genuinità del prodotto.

Senza contare il danno procurato ai pescatori professionisti in regola, che dalla sleale concorrenza ad opera degli “abusivi” ricevono un evidente danno. L’attività che le Capitaneria di Porto e le Autorità di polizia e sanitarie svolgono al riguardo della pesca illegale è incessante e dove non sia possibile risalire agli autori materiali della pesca illecita, non resta che sanzionare gli acquirenti ed i detentori. Con importi che, stabiliti per legge, come si vede possono arrivare ad essere di rilevante entità.
Commenti
12:38
Qualche ora di tensione ieri sera a Olbia a causa di una borsa abbandonata in corso Umberto. Sindaco vieta uso edifici comunali per eventi religiosi
26/7/2016
Protagonisti della lite un tassista e una famiglia originaria di Sorso. Pare che gli animi si siano scaldati per una mancata precedenza durante l'attraversamento della corsia. L'episodio è avvenuto domenica mattina all'aeroporto di Alghero
26/7/2016
Gli agenti della Squadra mobile di Nuoro hanno notificato a un 36enne residente a Orotelli, ma domiciliato a Nuoro, una ordinanza di custodia cautelare che lo obbliga a presentarsi ogni giorno da carabinieri o polizia per la firma
25/7/2016
I nuovi avvisi di conclusione indagini sostituiscono il precedente del 2014. Sotto accusa, tra gli altri, l´ex vicesindaco Carlo Careddu e l´ex assessore comunale ai Lavori pubblici Davide Bacciu. Tra gli otto in attesa di archiviazione, anche l´ex sindaco Gianni Giovannelli e l´assessore all´Ambiente Gesuino Satta
25/7/2016
Il 36enne Emanuele Secci, accusato di omicidio colposo per la morte di due donne dopo l´incidente avvenuto giovedì sulla Sassari-Alghero, dovrà presentarsi alla Polizia Giudiziaria due volte alla settimana. Il pm aveva chiesto gli arresti domiciliari
25/7/2016
Blitz dei Carabinieri nella notte tra domenica e lunedì. Sequestrate quattro piante di canapa ed 1,8chilogrammi di marijuana già essiccata
15:19
L´europarlamentare di Forza Italia è tra i diciassette imputati rinviati a giudizio. Il processo inizierà il 25 novembre, davanti ai giudici della Prima Sezione del Tribunale di Cagliari
26/7/2016
I due malviventi hanno messo a soqquadro l´abitazione riuscendo a trovare solo cento euro. L´anziano è riuscito a liberarsi i piedi e a raggiungere la casa di un vicino che gli ha poi tolto il bendaggio alle mani
25/7/2016
Il nubifragio di domenica ad Alghero, oltre alla conta dei danni fa riemergere prepotentemente le vecchie problematiche della città. La lettera aperta del geometra Raffaele Cadinu che punta il dito sulle opere «mal realizzate» del passato
© 2000-2016 Mediatica sas