Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaCronacaCronaca › Commissione Moby: audizione dei testimoni oculari
A.B. 23 marzo 2016
Ascoltati l´ex direttore della Navarma e gli ormeggiatori del porto di Livorno. Florio Pacini fu l’ultimo a salire sulla Moby diretta ad Olbia quella sera, mentre Valli e Mattei furono i primi a trovare la nave in fiamme ed a salvare l’unico superstite
Commissione Moby: audizione dei testimoni oculari


OLBIA - La commissione d’inchiesta Moby Prince prosegue le sue audizioni in questa seconda fase nella quale, dopo l’analisi degli atti giudiziari, si è deciso di approfondire il tema del funzionamento dei soccorsi nella fase successiva all’impatto. In questo contesto, sono stati auditi l’ex direttore ufficio acquisti della Navarma Florio Pacini, tra gli ultimi a salire sulla nave nel pomeriggio del 10 aprile 1991 ed i due ormeggiatori Walter Mattei e Matteo Valli, che furono i primi a trovare la Moby dopo l’impatto, a dare l’allarme alla Capitaneria ed a trarre in salvo il superstite Alessio Bertrand. Si è trattato di audizioni che hanno consentito alla Commissione d’inchiesta sul disastro della Moby Prince di acquisire elementi di indubbio interesse.

Florio Pacini, ex direttore acquisti della Navarma, ha chiesto di poter essere ascoltato dalla Commissione per raccontare la sua esperienza diretta, ma anche gli esiti di un lungo ed articolato lavoro di studio e analisi su quanto avvenuto il 10 Aprile del 1991. Pacini ha ricordato un clima sereno nella nave prima della partenza e l’interlocuzione avuta con l’equipaggio durante il pomeriggio nel quale ha effettuato un sopralluogo su lavori in corso. Poi si è concentrato sui tempi di sopravvivenza nella Moby, ben più lunghi delle conclusioni cui si è giunti fino ad oggi, e dalla sua analisi, supportata da diversi dati tecnici e foto delle navi coinvolte, emerge l’ipotesi di un forte impegno operativo dell’equipaggio della Moby per mettere in salvo i passeggeri nelle ore successive all’impatto.

Mattei e Valli sono gli ormeggiatori che per primi arrivarono sul luogo dell’incidente, salvando la vita all’unico superstite. Sono stati ascoltati più volte in questi anni e la loro testimonianza è stata altrettanto importante. Testimoni della presenza della nebbia, ritengono sia stata probabilmente la causa principale dell’incidente. Valli ha ricordato con grande emozione il momento del salvataggio di Bertrand. «Gridava che erano tutti morti, ma abbiamo seguito comunque la nave nella speranza che qualcuno si fosse buttato, mentre l’incendio divampava».

«La possibilità di entrare in contatto con versioni anche diverse tra loro - ha detto il senatore Silvio Lai, presidente della Commissione - per noi è molto importante e utile per arrivare alla verità, perché ci consente di esplorare ipotesi non prese in considerazione sino ad ora. Ringraziamo tutti coloro che si tanno mettendo a disposizione per aiutare la Commissione, perché ci permette di poter confrontare e approfondire tutti gli aspetti che emergono dalle audizioni. Il nostro lavoro dunque prosegue con l’obiettivo di acquisire più elementi possibile e di cercare la verità su quanto accaduto venticinque anni fa davanti al porto di Livorno».
Commenti
12:09
I militari della Tenenza della Guardia di finanza, hanno scoperto una truffa milionaria ai danni della Comunità europea per contributi pubblici indebitamente percepiti da un´impresa di Portoscuso
11:22
Per la seconda volta nel giro di pochi mesi, l´abitazione di un 42enne di iglesias, in località Sa Stoia, è stata obiettivo di alcuni colpi d'arma da fuoco sparati contro la porta e la finestra
18/1/2017
A bordo del traghetto attraccato a Livorno sono intervenuti i volontari del 118 col medico, che nulla hanno potuto fare se non constatarne il decesso. All´origine della morte, probabilmente, un arresto cardiaco
18/1/2017
Un uomo si è finto il maresciallo dei Carabinieri di Carloforte per farsi pagare via Poste Pay 140euro per un telefono cellulare mai arrivato a destinazione
19/1/2017
L´inchiesta risale al 2012 ed è legata alla contestata terapia ideata dal neurologo Giuseppe Dore, di 46 anni, di Ittiri. Le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata alla truffa, abuso d´ufficio, maltrattamenti, lesioni, sequestro di persona e omicidio colposo
19/1/2017
Questa mattina, alla fermata Ctm di Piazza IV novembre, un giovane ha provato ad entrare dalla porta centrale del bus senza biglietto e, alle rimostranze del controllore, lo ha prima preso per il collo e poi ha tolto un coltello da tasca. I Carabinieri della locale Compagnia lo hanno arrestato per lesioni, minacce e resistenza
19/1/2017
L´udienza davanti al Gup è stata fissata per il prossimo 20 febbraio. I reati contestati sono quelli di peculato, falso ideologico, falso materiale e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente
18/1/2017
Nel tardo pomeriggio di ieri, gli agenti della Sezione Volanti ha denunciato in stato di libertà per tentato furto un giovane, già noto alle Forze dell´ordine, residente in un centro dell’hinterland sassarese
18/1/2017
Ieri sera, il proprietario del punto vendita di Via Gramsci, a Quartu Sant´Elena, è riuscito a disarmare ed a far scappare il ladro
18/1/2017
Il Tribunale del riesame di Sassari ha accolto l’istanza di dissequestro dell’azienda agricola di Surigheddu e Mamuntanas. La prima battaglia in Aula è stata vinta dai 14 allevatori che utilizzano le terre del Demanio
© 2000-2017 Mediatica sas