Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaCronacaArresti › Olio bollente sui militari: olbiese in cella
Red 17 marzo 2016
E´ accusato di oltraggio, violenza, resistenza a Pubblico Ufficiale, minaccia e lesioni personali. Nei guai un 33enne già noto alle forze di polizia locali
Olio bollente sui militari: olbiese in cella


OLBIA - Nella nottata di mercoledì, a seguito di una richiesta pervenuta al 112, numero unico di emergenza europeo, un equipaggio della Sezione Radiomobile del Reparto Territoriale è intervenuto nella locale Via Gallura, dove un giovane stava urlando affacciato alla finestra della sua abitazione. Giunti sul posto, i Carabinieri hanno tentato di riportare alla ragione l’esagitato che versava in evidente stato di ubriachezza.

Nonostante i numerosi tentativi fatti per riportarlo alla calma però, l’uomo ha ben pensato di versare contro i militari dell’olio bollente per poi ingaggiare una colluttazione. Per tali motivi, C.F., 33enne olbiese, con precedenti di Polizia, è stato arrestato per oltraggio, violenza, resistenza a Pubblico Ufficiale, minaccia e lesioni personali.

Uno dei Carabinieri intervenuti, a seguito dello scontro fisico, è dovuto ricorrere alle cure mediche per un trauma lombare e ne avrà per 12 giorni. L’uomo, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stata trattenuto presso la camera di sicurezza del Reparto Territoriale.
Commenti
23/8/2016
Sono decine le telefonate con richieste di intervento per furti commessi tra gli ombrelloni. L´ultimo caso ieri pomeriggio: due migranti 16enni sono stati denunciati
12:02
I Carabinieri della Stazione di San Nicolò Gerrei hanno sorpreso due persone, padre e figlio, nella piantagione. Sequestrate una quarantina di piante di cannabis
14:43
Il 43enne romeno Tudor Gramisteanu è stato arrestato lunedì sera dai Carabinieri della locale Stazione con l´accusa di tentato furto aggravato
22/8/2016
I Carabinieri hanno arrestato un 35enne, con le accuse di lesioni aggravate, violazione di domicilio e porto di oggetti per offendere
© 2000-2016 Mediatica sas