Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaCronacaArresti › Rapina opere d´arte ad Olbia: arrestati mandante e due complici
A.B. 15 marzo 2016
Questa mattina, i Carabinieri della Sezione Operativa del Reparto Territoriale di Olbia, con il personale del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cagliari, hanno eseguito una misura cautelare di custodia in carcere, due di obbligo di dimora e sette perquisizioni disposte dal gip del Tribunale di Tempio Pausania nell’ambito delle indagini dirette correlate alla rapina di opere d’arte avvenuta il 19 agosto 2015
Rapina opere d´arte ad Olbia: arrestati mandante e due complici


OLBIA – Questa mattina (martedì), i Carabinieri della Sezione Operativa del Reparto Territoriale di Olbia, in collaborazione con il personale del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cagliari, hanno eseguito una misura cautelare di custodia in carcere, due misure dell’obbligo di dimora e sette perquisizioni disposte dal giudice per le indagini preliminati del Tribunale di Tempio Pausania nell’ambito delle indagini dirette da Ginevra Grilletti, della Procura della Repubblica, correlate alla rapina di opere d’arte avvenuta il 19 agosto 2015 nel Comune di Olbia. Quel giorno, la 75enne proprietaria di un’abitazione in Località Lido del Sole fu vittima di una rapina ad opera di tre uomini mascherati che, dopo essere entrati in casa, l’avevano malmenata e legata ad una sedia, rubando ventuno opere pittoriche di notevole pregio, attribuite a vari autori trai quali Antonio Allegri detto “Il Correggio”, Diego De Silva Velazquez, Hans Holbain, William Turner. Michelangelo, Giuseppe Maldarelli ed altri.

Immediatamente, venivano intraprese da personale del Reparto Territoriale di Olbia, e da personale del Nucleo Carabinieri Tpc di Cagliari le investigazioni, che portavano nel tempo ad individuare ed identificare il mandante dell’attività delittuosa in un 61enne di Mamoiada (imprenditore e parente della vittima), nonché i suoi fiancheggiatori, ricettatori e correi: un 65enne allevatore di Orgosolo ed un 65enne imprenditore di Dolianova. Il mandante, dopo le formalità di rito e la notifica della misura coercitiva della custodia cautelare in carcere è stato accompagnato nella casa circondariale di Badu e Carros, a Nuoro, mentre ai due complici è stata notificata la misure dell’obbligo di dimora nei rispettivi Comuni di residenza.

Eseguite anche ispezioni domiciliari nei confronti di un critico d’arte della Provincia di Firenze e di un pubblico impiegato di Sassari. Durante l’attività, tra le altre cose, è stata rinvenuta e sequestrata una parure in oro, facente parte di un corredo funerario femminile, con certificazione attestante epoca Settimo-Quarto Secolo Avanti Cristo (Magna Grecia) ed un valore stimato di un milione e mezzo di euro, per la quale sono in corso accertamenti tesi a verificarne provenienza ed autenticità.
Commenti
16:42
Nella tarda mattinata di ieri, i Carabinieri del locale Nucleo Operativo e Radiomobile sono intervenuti in un seminterrato di Via Romolo Gessi
12:43
Nei mesi di febbraio e marzo di quest’anno, una 45enne ha truffato numerose gioiellerie in città, ma ha precedenti di truffe come amministratore di condominio e falso avvocato
13:06
Due soggetti, a volto scoperto di nazionalità nord africana, dopo aver preteso da un ragazzo somalo di 19 anni, richiedente asilo, la consegna del telefono cellulare, sono passati alle vie di fatto colpendo il malcapitato con pugni e bastonate
26/7/2016
56enne, originario di Alghero, fermato lo scorso 15 luglio in un posto di blocco della polizia stradale
25/7/2016
Il 10 giugno scorso, un 67enne sottufficiale dei Carabinieri in congedo aveva sorpreso i due 17enni mentre urinavano in pieno giorno in Via Martiri della libertà, venendo aggredito e riportando anche la frattura della clavicola sinistra
25/7/2016
Gli agenti del locale Commissariato di pubblica sicurezza hanno arrestato un 36enne ed un 24enne ritenuti responsabili di furto in abitazione ed utilizzo indebito di carte di credito di provenienza furtiva
25/7/2016
Manette per il 30enne nigeriano Charles Akalueonye e per un minorenne del Gambia. Un profugo è stato ferito con due fucilate alle gambe, perchè pregava ritardando la partenza
© 2000-2016 Mediatica sas