Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaEconomiaAeroporto › Trattativa Meridiana-Qatar: un mese per chiudere l'accordo
A.B. 24 febbraio 2016
Si sono incontrati ieri a Roma i rappresentanti del Governo, della compagnia aerea e delle principali sigle sindacali. Firmato l´atto che da l´ok per l´avvio della trattativa con la Qatar Airways. Solo l´Usb non ci sta
Trattativa Meridiana-Qatar: un mese per chiudere l'accordo


OLBIA – Mercoledì 23 marzo. E' questa la data entro cui andrà sottoscritta l'intesa finale per l'ingresso della Qatar Airways in società con la Meridiana. Questo quanto deciso ieri (martedì), durante la lunga riunione romana (durata circa cinque ore), nelle sale del Ministero dello Sviluppo Economico, che ha visto i rappresentanti del Governo, della compagnia aerea italiana e delle principali sigle sindacali firmare l'atto che da l'ok all'avvio della trattativa. Tutti concordi, tranne il sindacato Usb.

Il principale nodo da sciogliere è, ovviamente, quello legato agli esuberi. Sono 900, ma ora non si discute tanto il numero, quanto la provenienza. Infatti, se Meridiana vorrebbe “pescare” solo tra u propri dipendenti (circa 1800), i sindacati preferirebbero che venissero scelti anche tra quelli dell'Air Italy (400 dipendenti), società controllata dalla stessa compagnia. Su questa seconda ipotesi, ci sarebbe però, oltre al no di Meridiana, anche il parere contrario del Governo.

Sulla prima bozza d'accordo presentata dal presidente della Meridiana Marco Rigotti, i sindacati hanno fatto fronte comune con un no deciso perchè, ritengono, questo richiederebbe di dare troppo potere all'azienda nella trattativa sui licenziamenti e sulla stipula del nuovo contratto collettivo. La seconda stesura, di concerto con il Ministero, ha invece soddisfatto Anpac, Anpav, Apm, Cisl, Cgil, Cobas, Ugl e Uil, che hanno firmato l'intesa. Unica eccezione, il confermato no dell'Usb. Assente il ministro Federica Guidi, che lunedì 29 dovrebbe andare a Doha insieme a Rigotti. Quel giorno, si decideranno le sorti di tanti dipendenti, visto che si dovrebbe sancire l'ingresso in società di Qatar Airways, che ne prenderebbe il controllo acquisendo il 49percento delle azioni.
Commenti
19:52
«La Commissione Ue permette di ricapitalizzare a fronte di un piano industriale serio», dichiara l´europarlamentare, che si schiera contro quella che in Regione definiscono una scelta obbligata sull´aeroporto di Alghero
30/8/2016
In merito alle recenti notizie che hanno caratterizzato le vicende dell´aeroporto di Alghero, Confindustria Nord Sardegna auspica innanzitutto una rapida definizione da parte della Regione delle annunciate azioni in materia di continuità territoriale aerea che garantiscano un´agevole mobilità agli operatori economici sardi, ai cittadini e a tutti coloro che si spostano da e per la Sardegna per turismo, affari o altro
30/8/2016
Una privatizzazione al buio della gestione dell´aeroporto di Alghero, dopo investimenti pubblici sullo scalo per oltre 70 milioni di euro, è veramente un azzardo. Non siamo contrari alla privatizzazione, ma siamo contrari a questa privatizzazione
10:58
Inizia in questi minuti un vertice che vedrà il presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru accogliere a Cagliari i sindaci di Alghero, Sassari, Nuoro, Bosa e Modolo in rappresentanza di oltre cento amministrazioni comunali. Sul tavolo, il futuro della società che gestisce il Riviera del Corallo
29/8/2016
«Commissione Trasporti convocata in concomitanza ad importante incontro dell´Anci su tema ricapitalizzazione. Boicottaggio e rissa nel Pd», sottolinea il vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale Marco Tedde
29/8/2016
Discussione giovedì in Consiglio Regionale. Mercoledì, invece, l’audizione dell’assessore regionale ai Trasporti in Quarta Commissione. Rimangono grossi dubbi sulle percentuali di quote previste dalla Giunta e destinate ai privati, che lascerebbero al pubblico poco più del 20percento
30/8/2016
Nel 2010, al Presidente Luzzatti, la Politica di allora ha affiancato un nuovo e costosissimo management, con l´obiettivo di mettere i conti societari a posto. Siamo nel 2016 e quanto promesso non è stato mantenuto: welfare aziendale disintegrato, snobbate le istituzioni locali del territorio, considerazione verso il sistema delle imprese e le sue esigenze ridotta ai minimi termini
29/8/2016
Ora la montagna degli inutili, inconcludenti e innumerevoli incontri di quello che molto pomposamente è stato definito “cartello istituzionale, economico e sociale” ha partorito l’ennesimo topolino
© 2000-2016 Mediatica sas