Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaPoliticaPolitica › «Bertolaso da brividi sul G7»
A.B. 20 febbraio 2016
I rappresentanti isolani del Centrosinistra respingono la proposta di Guido Bertolaso che invita il Governo ad insediare il G7 del 2017 nel complesso che avrebbe dovuto ospitare il G8 del 2009, e che versa in uno stato di sostanziale abbandono
«Bertolaso da brividi sul G7»


LA MADDALENA - No al G7 alla Maddalena. I parlamentari sardi del Centrosinistra respingono la proposta di Guido Bertolaso che invita il Governo ad insediare il G7 del 2017 nel complesso che avrebbe dovuto ospitare il G8 del 2009, e che versa in uno stato di sostanziale abbandono. «Ci vengono i brividi», dichiara il senatore di Sel Luciano Uras all'agenzia di stampa Dire.

«Vorremo capire intanto – spiega - che fine fanno le strutture e i costi che lo Stato e la Regione hanno subito e sopportato per il precedente G8 che è stata un'occasione mancata. E se il prossimo G7 fosse un'altra occasione mancata, noi che cosa ci ritroviamo, ulteriori sprechi? Facciamo chiarezza su quello che c'è. Bertolaso ha una responsabilità che verrà eventualmente accertata in altra sede, non politica. Se poi si limitasse a non fare proposte, sarebbe meglio».

Non diversamente la pensa Roberto Capelli (Centro Democratico), che ricorda come la proposta di Bertolaso sia «nata dal mondo politico, sociale, imprenditoriale della Sardegna. Ed è stata ripresa da Bertolaso probabilmente perchè, non riuscendo nell'avventura romana della sua candidatura, spera di poter ritrovare spazio nel guidare il rilancio de La Maddalena. Per riparare ai danni che ha fatto, non mi stupirebbe che fosse richiamato l'autore dei danni - ironizza Capelli, che precisa - La mia è una provocazione. Ma è già troppo che Bertolaso possa pensare a Roma. Per quanto riguarda la Sardegna, ne facciamo volentieri a meno».

Nella foto: Guido Bertolaso
Commenti
30/11/2016
Nominati quattro nuovi rappresentanti territoriali: tre sono donne. È forte l’azione politica del partito per sensibilizzare i cittadini a votare No al referendum costituzionale di domenica 4 dicembre
30/11/2016
E´ cortocircuito in Sinistra Civica, Alghero in Comune: il consigliere comunale Giampietro Moro smentisce di aver partecipato al direttivo che ha firmato il documento odierno contro l´Udc
30/11/2016
All’annuncio del risultato, 453 i voti favorevoli, un gruppo di vecchi garibaldini dalle balconate del pubblico intonò l’inno nazionale costringendo l’intera assemblea costituente a levarsi dagli scranni facendo seguire applausi scroscianti ai versi di Fratelli d’Italia. Eppure quella stessa Costituzione, fin dal giorno in cui era stata votata, fu subito contestata. E duramente criticata non solo dalla destra monarchica e fascista che era rimasta fuori dal patto costituzionale, ma anche dagli stessi protagonisti che ne avevano determinato sia lo spirito che la forma. Il 4 dicembre, con il referendum confermativo si giocherà l’ultima partita di questa lunga storia.
© 2000-2016 Mediatica sas