Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaCronacaDisservizi › Crisi idrica Gallura, Consorzio scrive a Regione
S.A. 17 febbraio 2016
Dopo l’incontro con i rappresentanti delle istituzioni locali e con le associazioni di categoria, il Consorzio di Bonifica della Gallura ha redatto un documento per scongiurare uno stato di crisi nella gestione della risorsa idrica
Crisi idrica Gallura, Consorzio scrive a Regione


OLBIA - Dopo l’incontro con i rappresentanti delle istituzioni locali e con le associazioni di categoria, il Consorzio di Bonifica della Gallura ha redatto un documento per scongiurare uno stato di crisi nella gestione della risorsa idrica. «In assenza di abbondanti precipitazioni nelle prossime settimane, si annuncia un’estate di restrizioni per l’attività irrigua di tutta la Gallura. Il Bacino del Liscia, con gli attuali 37 milioni di metri cubi d’acqua, non sarà in grado di soddisfare il fabbisogno del settore agricolo e zootecnico».

Ad affermarlo è il presidente del Consorzio di Bonifica della Gallura Marco Marrone che, dopo l’incontro con i rappresentanti delle istituzioni locali e con le associazioni di categoria, ha redatto un documento per scongiurare uno stato di crisi nella gestione della risorsa idrica. La nota è indirizzata all’Agenzia Regionale del Distretto Idrografico della Sardegna e descrive i quattro interventi principali per salvare il comparto agricolo e zootecnico: lo sversamento dei 3 milioni di metri cubi d’acqua presenti nella diga del Pagghiolu verso quella del Liscia; la riattivazione dei pozzi del Liscia da parte di Abbanoa; la restituzione da parte di Abbanoa del refluo a norma per il nuovo depuratore di Olbia e Arzachena; l’istituzione di una campagna di sensibilizzazione per un corretto utilizzo dell’acqua nelle case galluresi.

Questi soluzioni, insieme agli interventi di captazione per il recupero dei 200 milioni di metri cubi d’acqua presenti a valle e altrimenti destinata al mare, fanno parte del progetto di programmazione della risorsa idrica messo a punto dal Consorzio di Bonifica della Gallura già nel 2002. «Per garantire la stagione irrigua 2016 – continua il presidente del Consorzio di Bonifica della Gallura - sono necessari 15 milioni di metri cubi d’acqua, una quantità rilevante che può essere raggiunta solo seguendo una strategia precisa. Per questo, da più di dieci anni, chiediamo alla Regione Sardegna un nuovo approccio nella gestione dell’acqua in Gallura con interventi mirati e non con soluzioni last minute. Questa nuova crisi idrica ci dimostra come sia arrivato il momento di rimodulare il Mutuo Infrastrutturale della Regione Sardegna e di sfruttare al meglio i fondi comunitari 2014-2020 per investire nel nostro territorio evitando che gli agricoltori e gli allevatori galluresi possano restare senza acqua».
Commenti
8:41
In località Scala Mala, Badde Pedrosa e Taniga Malafede l´acqua non è adatta al consumo umano diretto, non può essere bevuta e né usata per la preparazione degli alimenti
27/7/2016
Sporadici cali di pressione e di torbidità nella zona a causa dei lavori da parte degli operai Abbanoa nelle zone Monte Siseri, Corea e SP. 55 bis
26/7/2016
Sono già state avviate le manovre di sezionamento del tratto interessato per evitare ulteriore dispersione di acqua. Durante i lavori l’erogazione all’utenza sarà garantita dalle scorte nei serbatoi
27/7/2016
Nel quartiere di Monte Rosello medio l´acqua non è adatta al consumo umano diretto come bevanda e per la preparazione degli alimenti. Può essere utilizzata per tutti gli usi igienici compresa l´igiene personale
© 2000-2016 Mediatica sas