Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieolbiaSpettacoloTeatro › Cedac: il Teatro del Carmine riapre le porte
A.B. 11 gennaio 2016
Tempio Pausania si prepara per la nuova stagione di prosa e danza del Circuito Cedac. Inoltre, la Cinedigital gestirà il Teatro per i prossimi cinque anni. Teatro, Scuole, concerti e opere liriche nel futuro dell´importante sito culturale tempiese
Cedac: il Teatro del Carmine riapre le porte


TEMPIO PAUSANIA - E' stata presentata questa mattina (lunedì), la nuova stagione di prosa che apre la stagione del Teatro del Carmine a Tempio Pausania. Il sindaco Andrea Biancareddu e l'assessore comunale allo Spettacolo Gianni Addis, hanno sottolineato l'importanza del momento, dopo il recente affidamento del Teatro alla società Cinedigital La stagione teatrale voluta e supportata dal Comune di Tempio Pausania, ospiterà otto spettacoli del Cedac, il circuito Multidisciplinare della Sardegna. Il direttore artistico del Cedac Valeria Ciabattoni, oltre che illustrare il ricco ed interessante calendario, ha sottolineato la presenza per la prima volta di ben due spettacoli dedicati alla danza ed il desiderio di coinvolgere scuole e giovani mettendo in calendario anche due appuntamenti extra: il primo, dedicato alla Giornata della Memoria, a cura di Francesco Rigo, ed il secondo, dedicato al tema della morte, Mannaggia 'a morte, della compagnia Principio Attivo.

Nel dettaglio saranno otto gli spettacoli che da venerdì 15 gennaio a lunedì 18 aprile si alterneranno sul pregiato palco. Sarà Pino Quartullo con Qualche volta scappano, tratto dalla commedia Toutou, di Daniel ed Agnès Besse, ad aprire il calendario. Con lui sul palco Attilio Fontana e, per la prima volta, Rosita Celentano. Si continuerà con Forbici e Follia, di Paul Portner, giovedì 28 gennaio, con Michela Andreozzi, Roberto Ciufoli, Max Pisu e Barbara Terrinoni e la partecipazione straordinaria di Nino Formicola e Nini Salerno. Dopo la pausa dedicata al Carnevale Tempiese, si riprenderà sabato 27 febbraio con Sono nata il 23, con Teresa Mannino; donne protagoniste, eroine e non, dai classici ad oggi, per un monologo originale capace di coinvolgere il pubblico. Venerdì 4 marzo, sarà la volta di Tosca X. Dopo Traviata e Doppia notte, è il momento di raccontare una nuova figura femminile vista dai grandi compositori del Novecento e dalla Compagnia Artemis Danza, attraverso le coreografie di Monica Casadei. Saranno invece Paolo Bonacelli e Cochi Ponzoni i protagonisti di Classe di ferro, in scena martedì 15 marzo. Una vicenda ambientata ai giardini pubblici, con protagonisti degli anziani. Marzo si chiuderà con l'appuntamento del 31, Le intellettuali, con Maria Ariis, Stefano Braschi, Mauro Cacciolla, Monica Conti, Federica Fabiani, Gaia Insegna, Miro Landoni, Stefania Medri e Roberto Trifirò. Si tratta di un capolavoro di Moliere il cui titolo originale è Les Femmes Savantes, rappresentato per la prima volta a Parigi nel 1672. L'ultimo mese di programmazione vedrà in scena due spettacoli: sabato 9 aprile, I Viaggi d'Oggi, ovvero un viaggio comico fra viaggi, treni, navi da e per la Sardegna, con protagonisti due attori sardi, Mauriziaccio Giordo e Marcus Pintus. Il secondo ed ultimo appuntamento prevede un imperdibile serata dedicata alla danza: Romeo e Giulietta, di Sergej Prokof'ev, con protagonisti i danzatori della Compagnia Junior Balletto di Toscana.

Gli abbonamenti, già a disposizione del pubblico, hanno un costo contenuto: si va dai 100euro per la Platea (intero) e galleria centrale, agli 80euro per Platea (ridotto) e galleria laterale, fino ai 40euro per il Loggione. Sarà possibile acquistare i biglietti alla biglietteria del teatro prima di ogni spettacolo. Per ulteriori informazioni, è possibile telefonare ai numeri 079/630377 e 388/3503817, inviare una e.mail al'indirizzo web teatrodelcarmine@hotmail.com, o la pagina Facebok Teatro Del Carmine Tempio. Un calendario che non si limiterà al circuito Cedac. Infatti, la direzione artistica del teatro affiata a Giuseppe Barraqueddu sta preparando un fitto calendario di appuntamenti capace di rendere costantemente fruibile la struttura, unica in Gallura, con lo scopo, entro i prossimi cinque anni, di diventare “teatro di sperimentazione e di innovazione” riconosciuto dal Ministero. L'assessore Addis ha voluto ringraziare tutti i membri della Commissione, che in tempi brevissimi hanno portato a compimento le operazioni per l'affidamenti della struttura. La nuova stagione rappresenta un nuovo punto di partenza per il prezioso Teatro, realizzato fra il 1928 ed il 1929 dall'architetto Aldo Faconti. Un vero gioiello in stile Liberty, sulla tipologia del teatro all'italiana ottocentesco. Il teatro, costruito sul luogo in cui sorgeva la chiesa della Madonna del Carmelo, annessa al convento degli Scolopi, è stato inaugurato il 20 luglio 1929 dalla compagnia di canto diretta dal tenore Giocomo Eliseo, con l'opera di Donizetti Lucia di Lammermoor. Un recente restauro ha restituito al pubblico i 400 posti disponibili (loggione compreso) ed ha ridato splendore alla struttura, vero fiore all'occhiello della cultura in Gallura.

Nella foto: un momento della presentazione di oggi
Commenti
13:58
Domani sera, il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari ospiterà lo spettacolo “Com´è nato il Giullare?”, Giullarata in dialetto portotorrese e italiano tratta, tradotta e liberamente ispirata al “Mistero Buffo” di Dario Fo, a cura del Cedac
14:06
Il 3 luglio, alle ore 20.30, la libreria di Via Vittorio Emanuele, ad Alghero, ospiterà uno spettacolo di parole e musica tratto da Un anno sull’altipiano, di Emilio Lussu, con Carlo Doneddu e Steven Forti
© 2000-2016 Mediatica sas